Monza Power Run 2016: iscrizioni, date, percorso

Prende il via l’edizione 2016 della Monza Power Run, corsa della solidarietà al via all’Autodromo Nazionale Monza sabato 16 luglio. La corsa più pazza e solidale d’Italia, gara podistica non competitiva ad ostacoli, si disputerà all’interno del circuito più famoso al mondo, tempio della Formula Uno.

Monza Power Run, correre solidale

Gli atleti correranno nel circuito di Monza per completare i 10 chilometri di percorso previsti dalla manifestazione. Il cuore dell’evento, da quest’anno, sarà piazza Europa a Villasanta. Dove gli organizzatori allestiranno il villaggio gara, sede dell’arrivo ma anche dello Street Runners Party. Una festa con animazione, concerti, attività ludiche e food truck.

Il programma di gare

Il ritrovo dunque è a partire dalle 11 di sabato 16 luglio nel centro di Villasanta. Alle 17, gli atleti verranno portati con un servizio navetta in Autodromo in vista della partenza, programmata per le 19 (tempo limite di 2 ore). Il percorso, nel circuito stradale e a Villasanta, prevede venti ostacoli, naturali ed artificiali, che dovranno essere scavalcati, arrampicati, attraversati e guadati dai partecipanti, in maggioranza vestiti goliardicamente. Termina la manifestazione, un ponte sospeso con scivolo d’acqua allestito in piazza Europa. Il villaggio rimarrà aperto anche domenica fino alle 24, per far divertire adulti e bambini. Se vuoi sapere com’è andata l’edizione 2015 CLICCA QUI.

Uno scopo solidale

Il ricavato della divertente corsa, organizzata dalla onlus Lele Forever, verrà interamente devoluto a sostegno di un progetto di ricerca del centro Verri, nel reparto Ematologia adulti dell’ospedale San Gerardo di Monza. Informazioni su www.monzapowerrun.it

News Reporter
Calabrese di nascita e milanese d'adozione, giornalista dal lontano 2001. Specializzato in ambito sportivo e appassionato del mondo dei videogiochi. Adora Kakà, innamorato da sempre di Van Basten, tanti anni divisi tra aule universitarie e campi di calcio l'hanno portato, alla fine, ad intraprendere il lavoro più bello del mondo. Quello del giornalista.

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi