Renate-Olbia: cronaca, commento e tabellino
Ti piace questo articolo? Condividilo!

Il Renate apre il girone A di Lega Pro 2016/2017 con un importante successo sull’Olbia. Decisivo il rigore trasformato da Napoli nel secondo tempo.

LE FORMAZIONI

Foschi recupera Di Gennaro e lo affianca in difesa Malgrati e Vannucci nell’abituale 3-5-2. A centrocampo, Mora e Anghileri agiscono sulle corsie, con Pavan tra Palma e Scaccabarozzi. Davanti, oltre al solito Napoli, compie il debutto ufficiale Adriano Marzeglia. Osservati speciali dei galluresi Geroni e Cossu, con l’ex Maceratese Kouko e il giovane Capello a comporre l’attacco

PRIMO TEMPO

I padroni di casa aggrediscono gli avversari e dopo appena cinque minuti Malgrati sfiora la sfera quanto basta per costringere Montaperto a deviare in corner. All’8′ pasticcio di Cincilla, che abbranca la sfera fuori dai 16 metri. Cudini estrae il cartellino giallo e assegna un calcio di punizione dal limite per l’Olbia. L’esecuzione di Cossu è però troppo tenera per il portiere nerazzurro. Dopo un paio di chance capitate a Napoli – destro a giro di poco fuori – e Marzeglia – incornata respinta da  Montaperto – poco prima della mezz’ora arriva il goal del vantaggio: Palma raccoglie il corner di Napoli sul palo opposto e mette al centro per Marzeglia, la cui deviazione fortuita si trasforma in assist per Di Gennaro, lesto ad insaccare da pochi passi. Al 37′ Anghileri colpisce il palo, al termine di un’azione imbastita da Mora, ma al 43′ i sardi firmano il pari con Cappello, abilmente servito da Kouko.

SECONDO TEMPO

I ritmi sono decisamente più blandi nella ripresa. Al 14′ Vannucci è provvidenziale in scivolata sulla conclusione di Kouko, unica azione pericolosa prima del nuovo vantaggio brianzolo: quando scocca il minuto 28 Napoli conquista il penalty, steso da Dametto, e dagli undici metri batte l’estremo difensore. Mignani alza il baricentro degli ospiti, inserendo le punte Senesi e Murgia. Il Renate tuttavia tiene senza patire, anche nel recupero e fa suoi i primi tre punti di questo campionato.

RENATE (3-5-2): Cincilla; Di Gennaro, Malgrati, Vannucci; Mora (25′ st Schettino), Palma (20′ st Graziano), Pavan, Scaccabarozzi, Anghileri; Marzeglia, Napoli (40′ st Galli). A disposizione: Merelli, Florian, Lavagnoli, Santi, Busa. All. Foschi.

OLBIA (4-3-1-2): Montaperto; Cotali, Dametto, Miceli, Russu (24′ st Pisano); Feola (42′ st Murgia), Geroni, Muroni (34′ st Senesi); Cossu; Capello, Kouko. A disposizione: Deiana, Carboni, Pinna, Ragatzu, Auriemma, Scanu, Quaranta. All. Mignani

ARBITRO: Sig, Cudini di Fermo (Sig. Conti di Acireale – Sig. De Pasquale di Barcellona Pozzo di Gotto)

RETI: 29′ Di Gennaro (R), 43′ Capello (O), 30′ st rig. Napoli (R)

NOTE: Giornata calda e soleggiata, terreno d gioco in buone condizioni. Espulso Graziano (R) al 41′ st per fallo da tergo. Ammoniti Cincilla (R), Dametto (O). Calci d’angolo: 6-0 per il Renate. Recupero: 1′ pt, 3′ st. Spettatori: 200 circa.

News Reporter
Calabrese di nascita e milanese d'adozione, giornalista dal lontano 2001. Specializzato in ambito sportivo e appassionato del mondo dei videogiochi. Adora Kakà, innamorato da sempre di Van Basten, tanti anni divisi tra aule universitarie e campi di calcio l'hanno portato, alla fine, ad intraprendere il lavoro più bello del mondo. Quello del giornalista.

2 thoughts on “Renate-Olbia: cronaca, commento e tabellino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi