Football americano: Samir El Negro lascia i Rhinos Milano, il suo saluto
Ti piace questo articolo? Condividilo!

Samir El Negro lascia definitivamente i Rhinos Milano. Prossima fase della sua carriera l’approdo al Monterey Peninsula College. Sul sito ufficiale del club meneghino il suo saluto.

LAVORO E STUDIO

Spiegate innanzitutto le ragioni alla base di questa scelta: “Ho scelto di andare a Monterey Peninsula College (MPC) a Monterey. Ho preso questa decisione per diverse ragioni. Posto, squadra, costi e anche livello di studio. A parte il fatto che mi è stato consigliato da coach Bommarito e coach Ault. La squadra si chiama ‘Lobos’ che tradotto significa ‘Lupi’ in italiano. Porterò tutte le emozioni della stagione passata. Porterò anche un’esperienza unica, quella di una Perfect-Season con dei grandissimi coach e un bellissima squadra”.

AULT E COMPAGNI

Suo mentore in Italia Coach Ault: Coach Ault mi ha spinto molto in quest’ultima stagione, mi ricordo benissimo la settimana prima dell’Italian Bowl in cui snappavo per maggior parte dell’allenamento, oltre ad imparare tutti gli schemi per tutti i ruoli in linea d’attacco. Coach Ault mi ha fatto scoprire l’importanza di saper giocare in tutti i ruoli. Mi ha insegnato a tenere duro e a non mollare – spiega El Negro -. La lista delle cose che mi mancheranno è lunga, mi mancherà il fatto di non potermi allenare, e sopratutto divertirmi insieme alla mia famiglia Rhinos ogni settimana.

I MIGLIORI AUGURI

Un messaggio poi ai suoi ormai ex compagni: “Voglio ringraziarvi da giocatore e da amico per quattro stagioni incredibili. Una in U16 e una in U19 più due in prima squadra. Voglio solo il meglio per tutti voi, è grazie a voi se io posso fare questa esperienza incredibile. Tranquilli, a Dicembre ci rivedremo e potremo parlare di questo anello che ci siamo meritati tutti insieme. Un grande abbraccio da Monterey. Una cosa che tanti non sanno è che il college si aspetta molto dagli studenti internazionali e se fallisci un corso rischi di perdere il visto per lo studio che significa dover tornare in Italia”.
.

News Reporter
Calabrese di nascita e milanese d'adozione, giornalista dal lontano 2001. Specializzato in ambito sportivo e appassionato del mondo dei videogiochi. Adora Kakà, innamorato da sempre di Van Basten, tanti anni divisi tra aule universitarie e campi di calcio l'hanno portato, alla fine, ad intraprendere il lavoro più bello del mondo. Quello del giornalista.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi