Ti piace questo articolo? Condividilo!

I Legnano Basket Knights disputeranno domenica la prima gara stagionale al PalaEuroImmobiliare. Rivale di giornata il Ferentino, una delle candidate alla promozione in A1.

GIGLI LA STELLA

La squadra si basa su una struttura solida e di grande spessore. Punto di riferimento Angelo Gigli, centro con parecchie convocazioni in nazionale. Nato cestisticamente alla A.P.D. Vigna Pia Roma, approda alla Fortitudo Roma 1908, con la quale gioca in C1 nel 2001, esordendo così in una squadra professionistica. In seguito passa alla Bipop Carire di Reggio Emilia, prima alle giovanili, dopo, nella stagione 2003-04, in prima squadra, dove è il giocatore rivelazione della Legadue. Treviso, Virtus (sia Roma, sia Bologna), Milano e ancora Reggiana, le tappe prima di arrivare a Ferentino l’anno scorso. Nel suo palmares, una Supercoppa Italia e una Coppa Italia con Treviso e un EuroChallenge con la Reggiana insieme a Frassineti.

LINEA VERDE

Intorno a lui i due americani Marcus Gilbert e Benjamin Raymond, rispettivamente ala piccola e ala grande reduci dal debutto di settimana scorsa, entrambi con 18 punti a referto. Può dare inoltre fastidio alla difesa l’argentino naturalizzato Bernardo Musso, miglior realizzatore della gara contro l’Eurobasket Roma con 21 punti. Come playmaker Nunzio Sabbatino e Matteo Imbrò. Due promesse che si stanno imponendo in un ruolo molto difficile. Dalla panchina Tommaso Carnevali ex Treviglio con il vizio del canestro. Già avversario Knights dalle giovanili della BluOrobica, fino alla prima squadra di Treviglio è un giocatore perimetrale con buon tiro e ottima tecnica.

SITUAZIONE KNIGHTS

Frassineti non dovrebbe essere della partita dopo una settimana di stop. Alcuni esami al polpaccio hanno evidenziato una lesione più seria del previsto. Condizioni precarie anche per Sacchettini e Mosley che però dovrebbero almeno sedersi in panchina.

News Reporter
Calabrese di nascita e milanese d'adozione, giornalista dal lontano 2001. Specializzato in ambito sportivo e appassionato del mondo dei videogiochi. Adora Kakà, innamorato da sempre di Van Basten, tanti anni divisi tra aule universitarie e campi di calcio l'hanno portato, alla fine, ad intraprendere il lavoro più bello del mondo. Quello del giornalista.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi