Olimpia Milano, Euroleague, vittoria in volata contro il Maccabi Tel Aviv
Ti piace questo articolo? Condividilo!

La squadra di coach Repesa, con un finale thriller, riesce a portare a casa la gara di debutto in Eurolega. Macvan, Hickman e Mclean sono stati i protagonisti di un match che ha visto comunque cinque giocatori in doppia cifra.

Il primo quarto inizia benissimo per l’ Olimpia. Dopo un paio di minuti di studio, le scarpette rosse infilano un parziale di 14- 3. Il Maccabi riesce a restare aggrappato al match grazie al tiro dall’ arco( a fine periodo oltre il 40% da 3 per gli israeliani). Si arriva alla sirena di fine quarto sul 25- 24.

Il secondo quarto parte in maniera più equilibrita. Gentile e Iverson aprono le danze per le due squadre. Gli israeliani passano in vantaggio e vanno sul + 6; l’ Olimpia non si scompone e sull’ asse Dragic/ Macvan riacciuffa la partita. Il quarto si chiude con un canestro sulla sirena di Milan Macvan che stampa il risultato sul 44- 44.

Il terzo quarto inizia con una tripla per parte. Dopo un pò di pasticci in attacco, a Milano inizia il Ricky Hickman show. In tre minuti 5 punti, 2 assist e due falli subiti per lui. Il Maccabi resta aggrappato al match grazie alle giocate di Goudelock. Il periodo si chiude sul 72- 65.

Il quarto quarto inizia con le sportellate sotto canestro tra Raduljica e Iverson, l’ Olimpia sembra scappare via portandosi sul + 10 a 2 minuti scarsi dalla fine; l’ orgoglio degli isreliani però non permette distrazioni. Due triple di Goudelock e due bruttissime palle perse di Milano riportano il Maccabi a – 1 con 8 secondi sul cronometro. Gli israeliani tentano di difendere per 2/ 3 secondi poi spendono fallo, Hickman va in lunetta, fa 1/ 2 e il Maccabi sulla rimessa lancia lungo in contropiede. Mclean dopo una dormita colossale recupera e stoppa sulla sirena il possibile canestro del pareggio. Il match si chiude con la vittoria di Milano per 99- 97.

Mvp del match con 22 punti e 32 di valutazione è Ricky Hickman, per lui anche una stoppata fondamentale su Landesberg in un momento molto delicato della gara.

Avatar
News Reporter
Calabrese di nascita e milanese d'adozione, giornalista dal lontano 2001. Specializzato in ambito sportivo e appassionato del mondo dei videogiochi. Adora Kakà, innamorato da sempre di Van Basten, tanti anni divisi tra aule universitarie e campi di calcio l'hanno portato, alla fine, ad intraprendere il lavoro più bello del mondo. Quello del giornalista.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi