Saugella Team Monza: Edina Begic rimane un’altra stagione
Ti piace questo articolo? Condividilo!

La prima squadra femminile del Consorzio Vero Volley rinnova il contratto per un altra stagione alla pallavolista bosniaca Begic che dichiara: ‘Sono felice di aver rinnovato. Obiettivo? Migliorare i risultati della passata stagione grazie all’esperienza maturata”.

Saugella Team Monza: ottima notizia per le ragazze monzesi

, classe 1992, oltre ad essere stata una delle sorpresa più liete della Saugella nella prima esperienza alla Samsung Gear Volley Cup Serie A1 Femminile, è stata fondamentale anche per la salvezza delle ragazze.ATTACCO BEGIC

Ha chiuso la sua stagione con 22 presenze 61 set disputati e 198 punti realizzati: con queste statistiche è la terza miglior realizzatrice della squadra dietro ad Aelbrecht.

La schiacciatrice bosniaca è stat la quarta migliore al servizio (14 ace) e ha messo a referto anche 15 muri.

Ecco le parole subito dopo il rinnovo con il Saugella:

“Sono davvero contenta di rimanere per un’altra stagione al Saugella Team Monza.

Durante la mia prima esperienza in Brianza ho avuto la possibilità di conoscere a fondo il Consorzio Vero Volley, una realtà dove ci sono tutti i presupposti per lavorare con qualità e serenità.

Come è andata la prima esperienza in serie A1? Sento di essere cresciuta molto, soprattutto a livello tecnico, motivo per cui spero di dare un contributo ancora più importante alla squadra il prossimo campionato.

Sono sicura che la società allestirà un gruppo competitivo che potrà dire la sua.

Migliorare i risultati dello scorso anno e raggiungere prestigiosi traguardi insieme alle mie compagne: questi gli obiettivi da centrare nella mia seconda avventura in maglia monzese”.

Content not available.
Please allow cookies by clicking Accept on the banner
News Reporter
Calabrese di nascita e milanese d'adozione, giornalista dal lontano 2001. Specializzato in ambito sportivo e appassionato del mondo dei videogiochi. Adora Kakà, innamorato da sempre di Van Basten, tanti anni divisi tra aule universitarie e campi di calcio l'hanno portato, alla fine, ad intraprendere il lavoro più bello del mondo. Quello del giornalista.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi