Olimpia Milano, G4 SF Playoff, Trento scrive la storia è 1-3
Ti piace questo articolo? Condividilo!

Altra sconfitta per le scarpette rosse e serie che si porta sul 3- 1 per Trento. Ora gli uomini di coach Repesa si ritrovano con le spalle al muro; in caso di ulteriore sconfitta saranno eliminati.

Il primo tempo inizia con molto nervosismo in campo da ambo le parti. Milano è impeccabile da dietro l’ arco e infila 4 triple, Trento prova a difendere forte e a partire velocemente in transizione e trova fortuna con le penetrazioni di Shields e Beto. La partita non riesce a trovare un padrone, si procede punto a punto fino a metà del 2/ 4 quando Sutton e Beto confezionano un mini parziale di 9- 0 e provano a dare la prima spallata al match. L’ EA7 riesce a restare aggrappata alla gara solo grazie a qualche giro in lunetta. Si arriva al suono della sirena dell’ intervallo lungo sul risultato di 42- 33.

Il secondo tempo inizia con i padroni di casa che vanno ad un’ altra velocità rispetto i milanesi, parziale di 13- 5 e l’ Aquila scappa sul + 22. L’ EA7 prova a rispondere con la fisicità di Abass e Kalnietis e riesce a riportarsi sul – 16 a 10 minuti dalla fine. Lechthaler e Beto però ricacciano lontano l’ Olimpia che con Hickman e Kalnietis cerca di restare aggrappata al risultato. Trento non si scompone, controlla e con Flaccadori riallunga. Il match si chiude con il risultato di 88- 64.

MVP del match Gomes, per lui 21 punti, 10 rimbalzi, 2 assist, + 22 di +/- e 27 di valutazione complessiva.

La palma del migliore in casa Olimpia va a Mantas Kalnietis, per lui 14 punti, 7 rimbalzi 3 assist e 17 di valutazione complessiva.

Tra 48 di nuovo tutti in campo per una sfida senza domani. Ora la serie si sposta a Milano per gara 5.

 

News Reporter
Calabrese di nascita e milanese d'adozione, giornalista dal lontano 2001. Specializzato in ambito sportivo e appassionato del mondo dei videogiochi. Adora Kakà, innamorato da sempre di Van Basten, tanti anni divisi tra aule universitarie e campi di calcio l'hanno portato, alla fine, ad intraprendere il lavoro più bello del mondo. Quello del giornalista.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi