Cagliari-Inter, Icardi: “Non abbiamo giocato molto bene, ma conta il risultato”
Ti piace questo articolo? Condividilo!

Sempre più leader dell’Inter, il capitano Mauro Icardi ha steso il Cagliari con un’altra doppietta. Il numero 9 dei nerazzurri, sempre più capocannoniere del campionato di Serie A, ha parlato ai microfoni di Sky Sport HD nel post partita di Cagliari-Inter (1-3).

Inter capolista almeno per una notte. Che risposta arriva da questa partita?

Un altro esame, un’altra settimana in cui dovevamo fare bene. Non abbiamo giocato molto bene, sinceramente, però poi il risultato l’abbiamo portato a casa e alla fine quello che conta è questo. Dobbiamo lavorare sulle cose che abbiamo sbagliato e intanto stasera ci godiamo il primato.

Ti aspettavi che l’Inter potesse fare un campionato di così alto livello?

Sì, perché è già da 2-3 anni che l’Inter sta lavorando molto bene per costruire una base, una squadra. Quest’anno il fatto di non giocare le coppe europee ci permette di lavorare bene ogni settimana. Stiamo costruendo una base per poter andare a giocarci qualcosa d’importante nei prossimi anni. 

Se vai avanti così, rischi di battere il record di gol di Higuain?

Io sono tranquillo. La cosa importante è che con i miei gol la squadra vinca. I miei gol sono il frutto del lavoro di tutta la squadra, ogni settimana, sul campo. Da solo non potrei fare niente, quindi sono contento per la squadra. 

Visto quello che si sente in giro (rinnovo contratto di Messi, ndr), la tua clausola rescissoria comincia ad essere un po’ bassa. A quanto la porteresti?

No, io di queste cose non parlo, parla la società. Poi, siamo a novembre e già stiamo parlando di mercato, è un po’ presto, però queste sono cose della società in cui io non c’entro niente.

Questo significa che se dovesse arrivarti una chiamata da Madrid, risponderesti “no grazie”?

Io non rispondo, faccio quello che devo fare sul campo. Poi c’è gente che lavora su questo e fanno il loro lavoro.

News Reporter
Calabrese di nascita e milanese d'adozione, giornalista dal lontano 2001. Specializzato in ambito sportivo e appassionato del mondo dei videogiochi. Adora Kakà, innamorato da sempre di Van Basten, tanti anni divisi tra aule universitarie e campi di calcio l'hanno portato, alla fine, ad intraprendere il lavoro più bello del mondo. Quello del giornalista.

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi