Primo trofeo stagionale in bacheca in casa AX Milano. Gli uomini di coach Pianigiani superano la Fiat Torino di Larry Brown in questa finale di Supercoppa. Decisivi per i meneghini sono stati i due quarti centrali dell’ incontro dove con un parziale di 47- 30 hanno scavato quel solco che gli ha permesso di resistere agli assalti Sabaudi degli ultimi 10 minuti. Da rivedere l’ atteggiamento mentale dei milanesi, gli ultimi 5 minuti di gioco hanno staccato completamente la spina esponendosi ad una rimonta alquanto beffarda.

Il primo tempo inizia con mani fredde da ambo le parti. Sbocca lo stallo( dopo 2 minuti di gioco) una conclusione di Nedovic e un giro in lunetta di Gudaitis. Torino non sta a guardare e con McAdoo e Cotton si riporta in parità. Le due squadre a quel punto iniziano un lungo elastico ciclistico che Carr decide di spezzare con 2 triple consecutive che valgono il + 4 Sabaudo a ridosso della fine del 1/4. Milano va un pò in confusione ma una tripla di Della Valle riporta i Bianco Rossi a contatto al 10imo. Ad inizio della seconda frazione di gioco l’ AX Milano prova a spezzare la gara. Gudaitis chiude la propria area e con Kuzminskas fa sentire la sua presenza a rimbalzo offensivo e l’ Olimpia arriva fin sul + 7. La Fiat Torino prova con McAdoo a rientrare, ma l’ Olimpia con Nedovic, il solito Gudaitis, Fontecchio e Cinciarini blocca ogni tentativo Giallo Blu e allunga. Si arriva al 20esimo con Taylor che fa 0/2 dalla lunetta e lascia i milanesi sul + 10. Al suono della sirena dell’ intervallo lungo il risultato è di 31- 41.

Il secondo tempo inizia con Cotton che realizza da 2 e Vlado Micov che risponde con la sua solita tripla dall’ angolo. Al 25esimo Micov e Gudaitis decidono di provare a chiudere il match. Ennesimo strappo Bianco Rosso e Milanesi che volano sul +19. Si arriva al 30esimo con l’ Olimpia sul + 16. Ad inizio 4/4 la Fiat infila un parziale di 4- 0 che viene cancellato immediatamente da un gioco da 4 punti di Nedovic e da una rubata con schiacciata di James. Quando sembra iniziare il garbage time, Milano stacca la spina e in 3 minuti dilapida 11 punti mettendo l’ inerzia della gara nelle mani dei torinesi. Nel momento di maggior difficoltà milanese, Arturas Gudaitis realizza un gioco da 3 punti riportando il vantaggio dei campioni d’ Italia sui 3 possessi e ridando ossigeno alla truppa di Pianigiani. Da li alla fine e un continuo botta e risposta, Milano resiste, mantiene il distacco e si porta a casa il trofeo. Il match termina con il punteggio di 71- 82.

MVP del match, Arturas Gudaitis. Il gigante lituano chiude con 17 punti, 10 rimbalzi, 1 assist, 23 di valutazione complessiva e 12 di +/-.

Michele De Luca
michky983@gmail.com
Classe '83, ex giocatore di basket (12 anni di attività), laureato in scienze dell'organizzazione applicata allo sport.