Appuntamento rinviato con la vittoria per il Sanga Basket Milano, a
Carugate è il Carosello a strappare la vittoria nel derby. Dopo un 
secondo quarto promettente le Orange affondano subendo un parziale di 
17-2 che diventerà alla fine decisivo. Nonostante qualche fiammata 
iniziale di Toffali, oltre al buon impatto di Quaroni e Giulietti, il 
Sanga viene punito dagli errori contro la zona, oltre dalla performance 
superlativa della grande ex di giornata Maffenini (29 alla sirena).

Sanga Basket Milano ko a Carugate

Equilibrio in avvio poi una bel parziale azionato da Toffali regala al 
Sanga un break importante, 11-19. Momento magico che le Orange però 
sprecano nella parte centrale del secondo periodo, il Sanga cede di 
fronte alla mareggiata dell’ex Maffenini che firma il sorpasso, 30-26 
alla pausa lunga. Molte difficoltà contro la zona delle ragazze milanesi 
che scivolano sino a meno 12 con ancora Maffenini protagonista. Cerca 
nuova linfa dalla panchina coach Fassina che non trova risorse offensive 
dal trio Kostova-Zagni-Gombac. La reazione orgogliosa porta soprattutto 
la firma di Giulietti e Quaroni che confezionano il meno 4, 55-51. E’ 
una magia di Gambarini a respingere sul più bello la rimonta de il Ponte 
Casa d’Aste, Carugate sigilla il finale, 61-56.

Le dichiarazioni di coach Franz Pinotti

“Innanzitutto complimenti a coach Piccinelli per l’atteggiamento, l’ordine e la determinazione che riesce a comunicare alle sue ragazze. Umanamente sono felice per Giulia Maffenini che è tornata a vestire i panni di Super Maffe. A dimostrazione che le bandiere non esistono più, perché 4/5 anni credo sia il periodo massimo per mantenere alte le motivazioni giocando per la stessa società. Maffe ha giocato l’ultimo girone di ritorno tirando con 3 su 29 da tre, mentre solo ieri sera ha tirato con 3 su 6. Ha segnato più da tre in una partita che nell’intero girone di ritorno con il Sanga. Per questo sono contento per Lei, una ragazza d’oro che merita il meglio dalla vita. Per il resto la partita l’abbiamo persa noi. Sono più i nostri demeriti che i meriti degli avversari. Sul 19-11 per noi abbiamo subito uno 0-6 evitabilissimo e sul 21-17 ancora per noi, non siamo stati capaci di 
leggere la partita subendo un clamoroso 3-15 che ci ha costretti alla 
rincorsa. In campionato abbiamo gettato via due grandi occasioni per 
stare tra le prime. Treviso e Carugate due sconfitte evitabili. Ora 
arriva Vicenza, una partita che sulla carta avremmo anche potuto 
perdere, per forza e qualità dell’avversaria. Forse è venuto il momento, 
anche per noi, di essere la sorpresa del giorno. Proveremo a vincere la 
partita più difficile”.

Il tabellino del match

Carosello Carugate-Il Ponte Casa d’Aste 61-56 (15-19, 30-26, 42-39)
CAROSELLO CARUGATE: Maffenini 29, Gambarini 10, Albano 7, Molnar 6, 
Diotti e Fossati 4, Colombo 1
IL PONTE CASA D’ASTE MILANO: Toffali 14, Giulietti e Quaroni 11, Capucci 
e Gombac 6, Kostova 5, Visigalli 3.

Luca Talotta
luca.talotta@gmail.com
Calabrese di nascita e milanese d'adozione, giornalista dal lontano 2001. Specializzato in ambito sportivo e appassionato del mondo dei videogiochi. Adora Kakà, innamorato da sempre di Van Basten, tanti anni divisi tra aule universitarie e campi di calcio l'hanno portato, alla fine, ad intraprendere il lavoro più bello del mondo. Quello del giornalista.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.