Busto Bpm Sport Management, impresa coi campioni d’Europa

Una notte leggendaria per la Busto Bpm Sport Management che esordisce nella fase a gironi di Len Champions League nel migliore dei modi. Battuti 7-6 i campioni d’Europa dell’Olympiacos Pireo. Un risultato incredibile per i bustocchi che si tolgono una delle più belle soddisfazioni nella trentennale storia della società.

Busto Bpm Sport Management, cronaca

Splendida partenza da parte della Busto Bpm Sport Management. Senza alcun timore reverenziale al cospetto dei campioni d’Europa in carica, guadagna il primo vantaggio della partita. Edoardo Di Somma che porta avanti i suoi. In tre minuti però i greci girano la gara con il pari di Foutoulis e poi con il gol del vantaggio ospite firmato da Mourikis. Busto però è attenta e sfrutta alla perfezione l’unico errore difensivo degli ospite, per infilare il 2-2 con Damonte che segna a 2” dalla sirena. Il sogno dei Mastini prosegue anche nel secondo tempo quando Mirarchi da sinistra brucia Pavic per il nuovo vantaggio casalingo. Un attimo più tardi Drasovic si trova solo davanti alla porta avversaria e il serbo non può fallire. Arriva così il 4-2 dei bustocchi. Il momento magico della formazione padrona di casa prosegue nel secondo tempo ancora con un fantastico Damonte che gonfia la rete per il 5-2, imitato poco più tardi, in situazione di uomo in più, ancora da Drasovic a chiusura di un secondo tempo perfetto della squadra di casa che con un parziale di 5-0 (4-0 nel solo secondo tempo) va alla pausa lunga avanti 6-2.

La ripresa

L’espulsione definitiva di Mourikis non spaventa gli ospiti che, anzi, s’accendono. Tornano a segnare dopo 17 minuti firmando il 6-3 un attimo prima della fine del terzo parziale. Nel quarto tempo l’Olympiacos va subito in gol grazie al rigore trasformato da Foutoulis dopo il fallo di Fondelli. Ci pensa un eroico Di Somma a riportare i padroni di casa a +3 con 7’ da giocare. Obradovic sfrutta l’uomo in più per il 7-5 a 2’ dalla fine, la magia di Lazovic sul tiro da distanza ravvicinata di Mylonakis salva la Bpm, ma un attimo più tardi è Gounas a infilare il 7-6 a 1 minuto dalla fine. Il sogno diventa realtà e la sirena finale è la musica più dolce che si possa immaginare, quella della vittoria.

News Reporter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi