Un successo strepitoso. Un’intera città si è riunita attorno allo storico marchio Alfa Romeo. In una mostra, “Legnano racconta l’Alfa Romeo”, che ha visto la partecipazione entusiasta di migliaia di appassionati e cultori dell’automobilismo sportivo. Organizzata dall’Amministrazione Comunale in collaborazione con FCA Heritage-Alfa Romeo Classiche e Alfa Blue Team è stata curata dai fratelli Giuseppe e Massimo Colombo. Con il supporto di importanti e storiche attività del territorio che hanno sostenuto la manifestazione.

Legnano racconta l’Alfa Romeo, grandissimo successo di pubblico

Oltre 4200 visitatori per l’esposizione dedicata al marchio del Biscione. Conclusasi domenica 28 ottobre al Palazzo Leone da Perego di Legnano.Numeri che fanno riflettere su quanto sia ancora amata la storica casa automobilistica milanese. Quanto sia ancora presente nei ricordi di tanti appassionati dell’automobilismo sportivo. E non solo. “La riuscita dell’evento espositivo – commenta l’assessore alla Cultura Franco Colombo– è certamente dovuta alla qualità, alla varietà e alla peculiarità del materiale esposto. Oltre alle motivazioni di fondo. La mostra ha infatti toccato diversi aspetti del mondo dell’auto. Aspetti culturali, economici, sociali. I visitatori hanno così potuto ripercorrere, attraverso la storia ultrasecolare dell’azienda milanese, i personaggi legati al marchio del Biscione. A cominciare dal grande progettista Gioachino Colombo, legnanese doc. Papà della mitica Alfetta 158, la vettura campione del mondo di Formula 1 nel 1950. Hanno anche potuto prendere visione dei modelli succedutisi dagli anni ’30 agli anni ’70 del secolo scorso. Hanno preso coscienza di come funzionassero gli ambienti lavorativi degli stabilimenti di Arese e del Portello, la pubblicità ed il marketing. E, naturalmente, vedere i filmati delle corse

Oltre l’evento sportivo

Legnano racconta l’Alfa Romeo”. Molto di più di un evento sportivo. Ne è stata dimostrazione la partecipazione non solo dei numerosissimi visitatori ma anche di enti, associazioni ed attività commerciali del territorio. Con il loro contributo hanno valorizzato il marchio del Biscione. A cominciare dalla sfilata di apertura organizzata da Alfa Romeo Club Milano. Nell’occasione, la città è stata letteralmente “invasa”da 40 bellissime vetture storiche della casa automobilistica. Sfilata che ha consolidato il già forte legame della città di Legnano con il marchio Alfa Romeo. L’intera città ha infatti risposto all’iniziativa con entusiasmo. Dalla Fratelli Cozzi, storica azienda del territorio, con la documentazione proveniente dal proprio museo a Favaro Arredamenti, con le pompe di benzina d’epoca. Modellistica del Carroccio e Garage Gasparri hanno fornito rispettivamente la stupenda selezione di modellini in scala delle vetture Alfa Romeo e le targhe originali dei loghi storici. Non memo importanti le splendide fotografie provenienti dal Centro Documentazione Alfa Romeo di Arese, stampate in fine art da AFI -Archivio Fotografico Italiano. A fare da sfondo, ovviamente, le vetture esposte. Grazie alle offerte dei collezionisti privati.

Intrigante percorso tra bookshop, visioni cinematografiche, eventi artistici

Legnano racconta l’Alfa Romeo” è stata soprattutto un intrigante percorso tra bookshop, visioni cinematografiche, eventi artistici. I visitatori hanno così potuto rivivere l’esaltante storia di Alfa Romeo nella visione di numerose proiezioni cinematografiche e nella visione di un vasto assortimento di volumi ad essa dedicati presenti nel bookshop allestito per la mostra. Con un risvolto anche artistico. Alla mostra è stato dedicato un logo appositamente progettato e realizzato dal tatuatore milanese Stefano “Stizzo che ha fuso la storica figura di Alberto da Giussano, simbolo di Legnano, con lo storico marchio dell’azienda milanese. Nei laboratori presenti i due illustratori di fama internazionale Giorgio Alisi e Antonio Molino hanno dedicato la loro creatività alla casa del Biscione. Antonio Molino, nello specifico, ha dipinto in scala 1:1 l’Alfetta 158 su una tela di 10mq. Non ultimo l’evento di live painting durante il quale l’artista Francesco Scapolatempore, in arte “SirSkape”, ha realizzato un’opera pittorica dedicata all’Alfa Romeo. Arte,cultura e passione sportiva accomunati dalla comune passione per Alfa Romeo.

Una scommessa vinta

Scommessa vinta per i curatori della mostra, i fratelli Giuseppe e Massimo Colombo. “Per noi, come per l’Amministrazione Comunale di Legnano, questa mostra è stata una scommessa – sottolineano Giuseppe e Massimo Colombo – Non avevamo idea delle reazioni del pubblico a questo tipo di proposta. La narrazione di un’avventura come quella dell’Alfa Romeo legata a un passato, per quanto glorioso ed esaltante, ormai piuttosto lontano non era esente da rischi. Vedere tanto interesse da parte dei visitatori giovani e meno giovani, non solo appassionati di auto, è stata una soddisfazione enorme. Abbiamo centrato l’obiettivo che ci eravamo proposti. Un grazie di cuore a tutti coloro che hanno contribuito al successo dell’iniziativa, contribuendo a tenere vivo il mito dell’Alfa Romeo”.

Francesco A. Bellini
elcipe21@gmail.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.