Il mese della svolta. Mentre la squadra lotta per mantenersi nelle zone nobili della classifica, la società si prepara ad affrontare il cambio a livello dirigenziale e il primo, grande, ostacolo fuori dal campo. Da una parte l’arrivo di Gazidis al Milan porterà un biglietto da visita intarsiato in oro, dall’altro ci sarà però subito lo scoglio della Uefa. L’ex manager dell’Arsenal entrerà ufficialmente in carica l’1 dicembre ma di fatto è già da tempo operativo: è stato lui ad aver cercato di convincere Gandini a tornare al Milan. Il suo compito principale sarà quello di rendere ancora più ricco e attraente un club che ad oggi ha un fatturato pari a 250 milioni di euro, lo stesso del 2005.

Milan, incontro alla Uefa per il Fair Play Finanziario

Nel breve, però, lo scontro che assorbirà le maggiori energie dei dirigenti rossoneri sarà quello con la Uefa circa le eventuali sanzioni per il mancato rispetto del Fair Play Finanziario nel triennio 2014-2017. Il faccia a faccia è previsto per il 12 novembre a Nyon, dove il Milan sarà accolto in udienza davanti alla Camera Giudicante. Il club si aspetta una multa e altre sanzioni per il triennio 2014-17, mentre nel prossimo futuro sarà chiamata ad apparire di nuovo per il triennio 2015-18, dove anche qui il Diavolo è risultato inadempiente nei confronti delle richieste Uefa per il Fair Play Finanziario. I legali rossonero puntano ad ottenere il Voluntary Agreement grazie al cambio di proprietà: in base alle sanzioni che arriveranno, si potrà capire anche quale sarà il mercato di gennaio dei rossoneri, tra operazioni già chiuse (Paquetá) e altre in divenire (Ibrahimovic).

Luca Talotta
luca.talotta@gmail.com
Calabrese di nascita e milanese d'adozione, giornalista dal lontano 2001. Specializzato in ambito sportivo e appassionato del mondo dei videogiochi. Adora Kakà, innamorato da sempre di Van Basten, tanti anni divisi tra aule universitarie e campi di calcio l'hanno portato, alla fine, ad intraprendere il lavoro più bello del mondo. Quello del giornalista.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.