Niente da fare per il Sanga Milano che cede di fronte  a Castelnuovo Scrivia. Dopo un avvio promettente le Orange sbagliano  l’impossibile, senza strafare le ospiti rientrano e prendono un  vantaggio comodo a metà del quarto periodo. Non bastano il coraggio di capitan Trianti (uscita poi per infortunio) e Quaroni al Ponte Casa d’Aste, l’esperienza e la solidità delle piemontesi, guidate da Corradini, Salvini oltre alle ex Colli e Martelliano, chiude senza patemi il match.

Sanga Milano, la cronaca

Inizio scoppiettante di Milano, eccellente difesa d’anticipo e tante
transizioni per le Orange che non concretizzano però le evidenti
superiorità, 7-0. Castelnuovo reagisce, Corradini ispira, Salvini e
Claudia Colli per il sorpasso di Pieropan, 8-11. Sanga che stecca
dall’arco ma anche in area colorata, senza incantare le ospiti trovano i
canestri del primo vero allungo con l’altra ex Martelliano, 8-18.
Vantaggio in doppia cifra che oscilla nonostante i tentativi di Kostova,
della bulgara un lampo Orange prima della pausa lunga, 20-31. Prova a
rientrare dopo la pausa lunga il Sanga, Gombac illude il PalaGiordani
con un rabbioso parziale, 29-33 dopo il canestro di Trianti. Esce di
scena il capitano Orange per infortunio, si ferma anche l’attacco che
subisce il parziale decisivo nel quarto periodo. L’esperienza di Salvini
e Pieropan, oltre alla verve delle ex Martelliano e Colli, lanciano le
ospiti al massimo vantaggio che di fatto chiude il match, 36-51.

Andrea Gussoni
andreagussoni@hotmail.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.