Trasferta ligure per il Milano City contro l’Unione Sanremo. Dopo la sconfitta interna con il Pro Dronero i granata hanno l’opportunità di riscattarsi contro i biancazzurri che però arrivano da 5 vittorie di fila. Mister Ezio Rossi cambia le carte in tavola, anche per colpa delle defezioni importanti durante la settimana tra cui spicca quella del capitano Neto Pereira. Formazione che si presenta quindi con Frigione tra i pali, Yoboua De Bode Colaianni Lattarulo, Roselli Pizzutelli Santonocito Mecca Mair Cocuzza. Capitano Santonocito.

Milano City, la cronaca

Primi 10 minuti in cui il Milano City si mostra propositivo soprattutto sfruttando le fasce con Mair e Santonocito. Proprio quest’ultimo al 14’ potrebbe servire con un’imbucata Cocuzza solo in area ma la palla finisce lunga di un soffio. La prima mezz’ora si gioca un calcio piacevole da entrambe le parti, i granata sfruttano l’ottimo lavoro in pressing di Cocuzza per costringere la Sanremese al lancio lungo. I granata sono splendidi nel lavoro difensivo, la coppia Pizzutelli-Roselli è un frangiflutti in mezzo al campo: in questo primo tempo, nonostante il sacrificio delle punte, manca solo l’ultimo passaggio. Primo tempo che si conclude quindi a rete inviolate.

La ripresa

Secondo tempo che inizia senza cambi. Primo tiro in porta del secondo tempo è del Milano City che con Pizzutelli, su punizione dalla distanza, impegna il portiere Manis. A trovare il vantaggio al 53’ minuto è però la Sanremese. Anzaghi da 35 metri scarica un sinistro imprendibile per Frigione e con questo tiro da distanza siderale passano sull’1-0 i padroni di casa. Al 64’ primo cambio esce Mair ed entra Speziale. I granata provano a cercare di ribaltare il risultato tramite uno stabile possesso palla con la Sanremese che prova ad impensierire Frigione da fuori area sulle ripartenze. Secondo cambio al 78’ entra Balzano ed esce Cocuzza. Due minuti dopo esce anche Roselli per Cianci e Boccadamo entra per Yoboua. I granata sono stabilmente in area avversaria tentando il tutto per tutto e proprio su un ribaltone arriva il 2-0. Rotula entra in area e piazza il cross vincente che scavalca tutti lasciando Molino colpire in area da distanza ravvicinata. I granata però sono vivissimi e vanno vicini ad accorciare le distanze con Pizzutelli da 35 metri, un tiro cross insidiosissimo. La troppa volontà però viene eccessivamente punita da un 3-0 di Spinosa, che raccoglie una palla in verticale entrando in area con la squadra che cercava di accorciare le distanze. Finisce quindi 3-0 un risultato troppo pesante per il gioco che i granata hanno espresso durante la partita.

Andrea Gussoni
andreagussoni@hotmail.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.