Chiude con numeri record la 131esima stagione di corse al galoppo all’Ippodromo SNAI San Siro. Con 210.000 presenze segna un record di accessi da quando, nel 2016, Snaitech ha avviato il progetto di rilancio dell’ippodromo. Dei 210.000 accessi stagionali, 120.000 sono stati registrati nelle giornate di corse, 70.000 dai concerti del Milano summer Festival e 20.000 durante gli eventi collaterali.

Dichiarazioni

“Nel 2016 – spiega Fabio Schiavolin, Amministratore Delegato di Snaitech, la società che a Milano controlla gli Ippodromi SNAI San Siro e SNAI La Maura – abbiamo avviato un progetto volto a spalancare le porte di un luogo unico. E’ un patrimonio culturale di Milano che volevamo vivesse oltre l’ippica. Volevamo diventasse un centro di aggregazione al servizio dei cittadini. In queste tre stagioni abbiamo registrato oltre 500.000 accessi tra ippica, concerti, gite scolastiche e iniziative culturali. Un numero che testimonia come l’Ippodromo SNAI San Siro sia sempre più apprezzato e frequentato dai cittadini di tutte le età”.

Ippodromo SNAI San Siro, il futuro

Archiviata con successo la stagione 2018, Snaitech guarda già al prossimo anno. In particolare, il Gruppo sta sviluppando un grande progetto di valorizzazione del Cavallo di Leonardo. Parliamo della maestosa statua donata nel 1999 alla città di Milano dalla Fondazione Leonardo da Vinci’s Horse Foundation. Scelse proprio l’Ippodromo SNAI San Siro come destinazione ideale per l’opera. Il “Leonardo Horse Project” prevedrà infatti una serie di iniziative che ruoteranno proprio attorno al Cavallo. Selezionati da Cristina Morozzi, uno dei massimi esperti del design contemporaneo, una squadra di 10 designer e creativi italiani ed internazionali che avranno il compito, e l’onore, di personalizzare 10 riproduzioni in scala del Cavallo di Leonardo.

Andrea Gussoni
andreagussoni@hotmail.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.