A Milano, in via Tocqueville 7, è stata inaugurata la Virgin Active Academy. Si tratta della prima scuola di formazione alle professioni del fitness e dello sport in Italia. A margine dell’evento, MilanoSportiva ha intervistato Luca Valotta, presidente e direttore generale di Virgin Active.

L’intervista a Luca Valotta

“Per il nostro quindicesimo compleanno ci siamo fatti un bel regalo, anche costoso. E’ costato un milione di euro. Gli azionisti, che ringrazio, ci hanno però supportato per il valore strategico di un prodotto italiano che è alla base del nostro sviluppo futuro. Costruire un academy soprattutto nel mondo del fitness è qualcosa di straordinario. La nostra industria è ancora molto giovane e deprofessionalizzata. Se volevamo crescere dovevano fare da soli. Ci avevamo già pensato cinque anni ma col tempo è diventata così importante che abbiamo dovuto creare una casa”.

Non solo Virgin Active Academy

“La Virgin Active Academy si va a incastrare con la nostra trasformazione digitale, con la nostra voglia di produrre contenuti per clienti e renderli accessibili a chiunque ovunque sia. Sto parlando di corsi, sessioni e programmi di allenamento“. Virgin Active Academy infatti sarà, a tutti gli effetti, anche un centro di produzione di contenuti digitali”.

Il futuro

“Il nostro obiettivo è raddoppiare fatturato e margine operativo lordo in cinque anni. Stiamo crescendo sopra il 10% tutti gli anni ma non mi basta. C’è possibilità di fare meglio in Europa. Il 2026 me lo immagino meglio nel nostro Paese. In tante cose andiamo indietro. Noi dobbiamo fare la nostra parte come imprenditori, dando lavoro anche ai giovani”.

Andrea Gussoni
andreagussoni@hotmail.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.