Olimpia Milano, Euroleague, amara Tel Aviv
Ti piace questo articolo? Condividilo!

Trasferta amara in quel di Tel Aviv per le Scarpette Rosse. Gli uomini di coach Pianigiani, al termine di una gara punto a punto, si fermano a 2 punti dal far saltare il banco del Maccabi. Incomprensibile l’ultimo possesso giocato dai Bianco Rossi. Con 20 secondi sul cronometro, Coach Pianigiani avrebbe potuto disegnare qualcosa di meglio di un Mike James vs tutti.

Il primo tempo inizia con molto equilibrio in campo. Il Maccabi mette subito il naso avanti ma l’AX Milano non sta a guardare e risponde colpo su colpo restando in scia. Verso metà del 1/4 questo stallo si spezza. Nedovic e Micov salgono in cattedra e l’ Olimpia prova a piazzare la prima spallata del match portandosi sul +8. Assorbito lo schiaffo, gli israeliani si destano. Contro break Maccabi Tel Aviv e match che torna in bilico. Sul finire di tempo un’ altra fiammata a firma Nedovic consente ai Bianco Rossi di chiudere la frazione di gioco in vantaggio. Si arriva al suono della sirena dell’ intervallo lungo sul punteggio di 46- 48.

Il secondo tempo inizia come era finito il primo. Micov e Nedovic a segno e il Maccabi costretto a rincorrere. Dopo un paio di minuti di sbandamento gli israeliani si accendono. O’Bryant scalda la mano dalla lunga distanza, infila tre triple consecutive e i padroni di casa scappano sul +5. A quel punto, con un po’ di fatica, l’ Olimpia riesce a limitare sul perimetro i padroni di casa, Mike James entra in modalità hero e grazie ad un paio di forzature di puro talento riporta la gara in perfetta parità. Si arriva al 30esimo con le due squadre sul 75 pari. I primi minuti del 4/4 sono tutti Bianco Rossi, Milano infila un parziale di 8-3 e sembra riuscire a indirizzare l’inerzia verso di se. Il Maccabi però, come nel 2/4, non perdona da dietro i 6,75 metri e in un amen impatta nuovamente. La gara resta in parità fino a 30 secondi dal termine quando i padroni di casa, grazie ad un paio di giri in lunetta, si portano sul + 2. L’ Olimpia ha in mano l’ultimo possesso, coach Pianigiani chiama time out per disegnarlo ma esce fuori una mezza schifezza e i sogni milanesi di sbancare Tel Aviv si infrangono sul primo ferro. Il match termina con il risultato di 94- 92.

MVP di serata O’Bryant. Con 32 punti e 44 di valutazione PIR ha letteralmente preso a pallonate come e quando ha voluto l’AX Milano.

La palma del migliore in casa Olimpia va a Nedovic, il serbo termina il match con 17 punti e 14 di valutazione PIR.

Avatar
News Reporter
Calabrese di nascita e milanese d'adozione, giornalista dal lontano 2001. Specializzato in ambito sportivo e appassionato del mondo dei videogiochi. Adora Kakà, innamorato da sempre di Van Basten, tanti anni divisi tra aule universitarie e campi di calcio l'hanno portato, alla fine, ad intraprendere il lavoro più bello del mondo. Quello del giornalista.

1 thought on “Olimpia Milano, Euroleague, amara Tel Aviv

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi