MaxiBasket Milano, solidarietà in corsia

Maxibasket Milano non è nuova ad iniziative benefiche. Costituitasi due anni fa da ex giocatori con ancora tanto entusiasmo. Nella convinzione che si può e si deve andare oltre l’età. Loro sono stati fortunati, con una buona carriera alle spalle. Alcuni, come Giorgio “Papo” Papetti, sono arrivati anche a giocare in Nazionale. MilanoBasket Milano da sempre riserva spazi ad attività di beneficenza. Il prossimo appuntamento sarà “Befana in Corsia 2019”, terzo appuntamento della tradizionale festa dell’Epifania. Allorquando domenica 6 gennaio una sua delegazione, insieme a Eligio De Rossi, Massimo Lucarelli e Pippo Crippa (ex grandi giocatori della Pallacanestro Milano), si recherà alla Casa Pediatrica dell’Ospedale Fatebenefratelli. Con loro anche alcuni ragazzi delle giovanili dell’Armani Jeans. Ai piccoli ricoverati verranno donati regali e qualche momento di allegria con l’animatore, chitarrista e cantante Maurizio Villa. Di seguito l’intervista a Giorgio Papetti, presidente di Museodelbasket.it e coorganizzatore dell’iniziativa.

Una serata in pizzeria, nasce il progetto MaxiBasket Milano

“Sono stato chiamato due anni fa – ci racconta Giorgio Papetti, fondatore di Museodelbasket.it – per costruire una Nazionale Over 65. Una proposta che ho voluto condividere con alcuni amici. Come Pino Maccheroni, Alessandro Sarina, Mario Vignati. Tutti con un passato nella Pallacanestro Milano. Fondare una squadra Over 55 e diffondere il maxibasket in Italia, il progetto. Una serata in pizzeria, l’occasione per decidere di buttarci in questa avventura. Perché di avventura si trattava. Non che non ci fossero alcune titubanze ma la voglia di rimetterci i pantaloncini per sgambettare sul campo ha preso il sopravvento. A questo punto si trattava di trovare il numero sufficiente di ex giocatori che volessero contribuire con la loro partecipazione alla crescita del progetto. Ho quindi lanciato l’invito a partecipare al progetto sulla pagina facebook dell’associazione Museo del Basket. Per stare al passo con i tempi”

Qualche perplessità e tanto entusiasmo, si va avanti

“L’iniziativa su facebook ha riscosso successo – continua il “Papo”– Si sono presentati 30 ex giocatori, ai quali ho spiegato il progetto MaxiBasket Milano. Li ho tenuti tutti. Non altrettanto bene è andata con altri ex giocatori da me personalmente contattati. Molti di loro si sono dimostrati dubbiosi. Poco convinti del successo dell’iniziativa. L’età anagrafica, gli acciacchi fisici, la paura di compromettere l’immagine che di loro hanno ancora i tifosi di un tempo sono state le obiezioni alla loro partecipazione. Ma questo non ci ha fermato. Oggi siamo 40 soci, di questi 35 sono giocatori. Tra i quali ex-giocatori di Serie A e della Nazionale e tre allenatori che ci seguono negli allenamenti bi-settimanali. Contiamo inoltre su un addetto stampa per coprire mediaticamente gli eventi ed esiste una squadra Over 55 che partecipa ad un campionato regionale Uisp Over 45. Una squadra che si permette di battere squadre nettamente più giovani

Difficoltà economiche ed organizzative, gli sponsor danno una mano

“Lanciata l’iniziativa, si trattava di organizzare un movimento che potesse portare alla creazione di un campionato over 50, ancora inesistente. Come inesistente, allora come oggi, una legislazione sportiva che regolarizzasse le azioni necessarie per realizzare questo obiettivo. Realizzabile esclusivamente con iniziative individuali ed, eventualmente, il supporto dei Comitati Regionali. E poi si dovevano affrontare ingenti costi. Dal materiale per la squadra, all’affitto delle palestre, alle spese di trasferta. Ci siamo sempre autotassati. Fintanto che si trattava di comprare scarpe e magliette ce la potevamo fare, per le altre cose necessitavamo del supporto di qualche sponsor. E gli sponsor sono arrivati, dopo qualche mese. L’arrivo degli sponsor, la crescita numerica delle adesioni, il supporto tecnico di validi allenatori come Cesare Angeretti (ex Candy Brugherio) e Paolo Casalini (ex Pallacanestro Milano) ci hanno consentito di realizzare il nostro obiettivo. Tornare a giocare a pallacanestro. Il basket è per sempre, oltre l’età

Campionato over 40, la passione non conosce età

“Superate le iniziali difficoltà organizzative ed economiche, abbiamo cominciato ad allenarci con continuità al Palalido. Nell’ottobre 2018, è nato il primo Campionato Uisp Over 45. Due squadre MaxiBasket Milano, una Over 60 e una Over 55. I risultati finora ottenuti ci inorgogliscono. MaxiBasket Milano ha partecipato con ben 4 squadre ai Campionati Europei FIMBA 2018 a Maribor (Slovenia). Con ben quattro argenti conquistati! Nello scorso mese di dicembre abbiamo partecipato al 1° Torneo Natalizio FIMBA al Centro Schuster che ha visto convolte squadre di differenti età, sia maschili che femminili. Fino a pochi anni fa il basket per persone Over 40 era inaccessibile. Oggi coinvolge migliaia di giocatori in tutta Italia. Una realtà ormai seguita da stampa tradizionale e da siti specializzati di basket. Senza contare le migliaia di visite alla pagina Facebook di MaxiBasket Milano con picchi di oltre 1.200 contatti al giorno!”

Verso i mondiali di Helsinki

“E’ arrivato il momento di alzare l’asticella. Ciò che oggi in Italia è ancora per molti una novità, negli altri paesi è una realtà consolidata. Già negli anni ’90 la FIMBA, la Federazione Internazionale MaxiBasket, ha mosso i primi passi in Argentina. Sulla spinta dei grandi marchi di abbigliamento sportivo che cercavano uno sport di squadra che potesse essere praticato dagli Over 40. Rappresentanti della classe sociale con maggiori possibilità economiche. Ci voleva uno sport aggregante e il basket era decisamente il migliore. Ecco spiegato il successo di questa disciplina. Praticata negli altri paesi anche oltre i 75 anni!  E diffusasi in breve tempo in Nord America e in Europa. Per questo motivo vogliamo confrontarci sempre più spesso con gli altri. A tal proposito ci stiamo attrezzando per partecipare con una rappresentativa del MaxiBasket Milano a vari tornei internazionali e ai Campionati Mondiali di Helsinki nel prossimo Luglio 2019

Solidarietà, missione di MaxiBasket Milano

“Facciamo tutto questo non solo per il piacere di tornare a giocare a basket. Nel nostro statuto abbiamo previsto di destinare a persone meno fortunate una parte di quanto riusciamo a raccogliere con le nostre iniziative. Sia ex giocatori caduti in disgrazia o in situazioni di grave disagio economico che famiglie e bambini con difficoltà varie. MaxiBasket Milano crede fortemente nella propria “responsabilità sociale” e all’attività di charity per promuovere e supportare direttamente attività benefiche. In quest’ottica si inserisce la nostra partecipazione a “Befana in Corsia 2019″. Per dare un poco di gioia e di sollievo a bambini che stanno giocando una personalissima partita contro un destino a loro avverso. Con i fondi che raccoglieremo domenica vorremmo realizzare un campo di basket all’interno della struttura ospedaliera”

Tante iniziative benefiche, il mondo del basket sempre presente 

Nello scorso settembre, nella cornice dell’Istituto Zaccaria di Milano, il MaxiBasket Milano ha affrontato, con una selezione Over 55, un triangolare organizzato in collaborazione con Vidas. In quella occasione, hanno presenziato Pierluigi Marzorati e Carlo Recalcati. Grazie anche al successo della manifestazione, Vidas ha realizzato un centro pediatrico. In collaborazione con Regione Lombardia abbiamo organizzato un evento contro il fumo dei minori, trasmesso da Canale 5. Personalmente ho donato alcuni libri e la maglia della Nazionale ai ragazzi della squadra Tam Tam composta dai figli, nati in Italia, degli emigrati africani che non avevano il diritto di giocare in campionato perché considerati stranieri. E Sandro Gamba, il decano del nostro basket, l’anno scorso ha consegnato, da parte di MaxiBasket Milano, un “assegnone” di qualche migliaio di euro alla Casa Pediatrica del Ospedale Fatebenefratelli di Milano. Ma non ci fermiamo qui”

Strizzatina d’occhio alle colleghe donne

“Lo sport femminile è una realtà che negli ultimi anni ha conquistato spazi importanti. Inevitabilmente anche le nostre colleghe di Maxibasket Maxibasket Donne Milano hanno avvertito il desiderio di rimettersi in gioco. Con la pallacanestro femminile abbiamo già avuto un primo contatto per sviluppare iniziative comuni. L’anno scorso, grazie agli ottimi rapporti con il suo presidente Alberto Mattioli, abbiamo disputato una partita contro il Sanga Basket Milano. Ad alcuni allenamenti ha partecipato anche Geppi Cucciari, conduttrice televisiva e giocatrice di Gamma Basket Segrate. Mostratasi sensibile al movimento MaxiBasket. Un approccio al quale vorremmo dare seguito. E creare una sinergia che porti avanti la nostra filosofia. Per andare oltre. Perché il basket è una passione che non conosce età

News Reporter

2 thoughts on “MaxiBasket Milano, solidarietà in corsia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi