Sanga Milano, c’è il jackpot a Ponzano

Sofferta, strappata con le unghie e la voglia in un caotico finale ma il Sanga Milano esce da Ponzano con un più 4 doppiamente prezioso. Dopo un primo tempo pressoché perfetto, con una sontuosa Royo Torres, Il Ponte Casa d’Aste sembra affondare nella ripresa colpito da Zecchin e Brotto. Un rabbioso parziale firmato da Zagni e Toffali regala alle Orange vittoria e più 4 che ribalta il 49-52 dell’andata.

Sanga Milano, cronaca

Splendido inizio per le Orange che volano in transizione trascinate da
Toffali e Royo Torres, della veterana spagnola il morbido appoggio del
più 8 milanese, 6-14. Ponzano cerca con insistenza Vian, il centro delle
venete ripaga con punti immediati, di Schiavon lo squillo da tre riporta
sotto le padrone di casa, 13-17 a fine primo quarto. Concede qualcosa di
troppo dal perimetro il Ponte Casa d’Aste, Royo Torres è sempre abile a
procurarsi falli in area colorata, 16-21. E’ l’asse tra la spagnola e
Quaroni a tenere avanti il Sanga che tenta sempre di alzare il ritmo,
due liberi di Zagni per il nuovo più 9, 18-27. Sempre la lunga del Sanga
sigilla il primo margine in doppia cifra grazie ad un bel rimbalzo
d’attacco, la difesa Orange è un autentico muro su cui va a sbattere
Ponzano. Spreca qualche chance per scappare via con decisione Milano,
banali palle perse che regalano ossigeno alla truppa di coach
Campagnolo, 23-32. Un’altra fiammata di una fantastica Royo Torres (già
in doppia doppia) tiene avanti le ospiti all’intervallo, 25-37.

Secondo tempo

Dopo la pausa lunga digiuno prolungato per il Sanga che fatica a trovare la via del canestro, si rianimano le venete che tornano sotto trascinate dalla
verve di Brotto, 36-41. Si continua a soffrire con le padrone di casa
che vedono vicino l’aggancio che puntuale arriva con un altra tripla di
Zecchin, 44-44. Autentico crollo difensivo per le Orange che restano
avanti alla penultima sirena aggrappate al talento di Royo Torres,
46-50. Da dimenticare l’avvio del quarto decisivo dove però anche
Ponzano sbaglia l’impossibile, sul 51-56 c’è un’interminabile impasse
sbloccato dalla solita Brotto dalla lunetta. Milano sembra avere
smarrito carburante e lucidità, arriva la nuova parità sul 56-56. Quello
che non manca alle ragazze di coach Franz Pinotti sono cuore ed
orgoglio, un piazzato di Zagni e 5 punti filati di Toffali (compreso un
letale buzzer beater) per il nuovo più 7, 56-63. Ponzano ha ancora
artigli affilati nel finale per difendere anche il più 3 dell’andata, le
venete sbagliano però liberi importanti, il 59-63 sul tabellone è dolce
come lo zucchero per le Orange.

News Reporter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi