Inizia il girone di ritorno. Al netto del duo di testa, Milano Quanta e Vicenza, che prosegue la sua marcia incontrastata, arrivano le prime “vendette” rispetto alle gare d’andata. Verona, Torino e Ferrara pareggiano infatti il conto degli scontri diretti rispettivamente con Padova, Asiago e Cittadella, vittoriose ad inizio campionato.

Milano Quanta imbattuto

Continua il campionato a parte di Milano. “Asfalta” a domicilio (20-1) gli Snipers di Civitavecchia in un festival del goal che esalta le qualità offensive della intera corazzata di coach Rigoni. Spiccano le 5 reti ciascuno di Ferrari e Alessio Lettera. Resta in scia dei campioni d’Italia il Vicenza. Senza grossi patemi nonostante un risultato “contenuto” (7-3), tiene a bada un volitivo Monleale che però non da mai l’impressione di poter davvero impensierire Delfino e soci. Cade invece la terza della classe, il Padova, in casa della diretta inseguitrice Cus Verona. Si porta ora a -3 in classifica rispetto ai “fantasmi” patavini. Dell’esperto Valbusa la definitiva marcatura del 4-3 che, negli ultimi 180” di gioco, chiude un match che aveva visto Verona andare sotto nel punteggio, scappare avanti fino al 3-1 per poi farsi recuperare fino al 3-3 del 45mo a firma dello sloveno Sodrznik. Finale dalle vibranti polemiche. La possibile rete del 4-4 prima assegnata e poi annullata alla squadra ospite.

Gli altri match

Negli altri 2 match di giornata, quelli meno prevedibili visti i valori in campo e le posizioni in classifica, la spuntano le due squadre di casa. Torino parte a razzo (3-0) e poi contiene i tentativi di rimonta di Asiago. Si porta prima sul 3-1 e poi sul 4-2 ma non trova il guizzo per riaprire davvero l’incontro. Decisive per i piemontesi le prestazioni dei vari Moro, Corio e Letizia (tutti nel giro delle nazionali azzurre) e il solido Brescianini tra i pali. Per Asiago un mezzo passo indietro rispetto alla ottima gara del turno precedente. La possibilità del riscatto è già fissata a sabato prossimo quando sull’altopiano arriverà il Ferrara attualmente quinto in classifica. Proprio il Ferrara è l’ultima squadra vittoriosa di giornata in un altro match di assoluto equilibrio e caratterizzato da allunghi e sorpassi fino all’ultimo secondo; gli estensi partono forte e scappano via fino al 3-0 firmato da Pazzaglia al decimo, Cittadella non ci sta ed impatta nei successivi 10 minuti di gioco ma va nuovamente sotto, prima dell’intervallo, grazie a Stricker. Dopo l’intervallo, Cittadella recupera nuovamente e prova a scappare con Tombolan (4-5); altro strappo del Ferrara, stavolta definitivo, che si aggiudica i 3 punti grazie ai goal di Mazzarol e Matteo Bellini che fissano il risultato sul definitivo 6-5. In classifica, in 3 punti, sono ora raggruppate ben 4 squadre che vanno dal 6° al 9° posto (ultimo valido per un posto ai playoff).

Andrea Gussoni
andreagussoni@hotmail.it

One thought on “Milano Quanta straripante, 20-1 agli Snipers”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.