L’Hockey Milano Rossoblu si presenta a questa sfida contro il Lustenau senza Edoardo Caletti e Federico Cordin. La partita è molto combattuta.

Hockey Milano Rossoblu, cronaca

Dopo un inizio a favore degli ospiti, anche il Milano si rende pericoloso. Dopo metà tempo il Lustenau passa in vantaggio con Marc-Oliver Vallerand che sfrutta il secondo powerplay a favore degli austriaci. Poi Jurgen Tschernutter sigla il 2:0 con un tiro molto preciso. Ma il Milano dimezza lo svantaggio con un bel tiro di Andrea Schina in powerplay a 108 secondi dalla fine del primo periodo. Nel secondo tempo il gioco è molto duro e combattuto. Il Milano pareggia con Marcello Borghi ma con l’avanzare del secondo periodo il Lustenau si dimostra più deciso sottoporta e trova il 4:2 con le reti di David Konig e del top-scorer Chris D’Alvise. Ma prima del secondo intervallo, la squadra di casa trova la rete di Tommaso Terzago in powerplay. L’attaccante dei rossoblu si ripete anche nel terzo tempo per un pareggio che premia un Milano molto energico. Ma l’esperienza degli austriaci esce fuori negli ultimi tre minuti di gioco. Maximilian Wilfan riporta per la terza volta in vantaggio la formazione del Vorarlberg che poi conquista la partita con il goal a porta vuota di Philp Putnik che vale il 6:4 finale.

Andrea Gussoni
andreagussoni@hotmail.it

One thought on “Hockey Milano Rossoblu, il poker non basta”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.