Milan: Paquetà e il problema Biglia

Il detto recita: “La prima volta non si scorda mai”. E Paquetà probabilmente questo proverbio l’avrà ormai imparato a memoria, visto che finalmente è giunta domenica sera la sua prima marcatura con la maglia del Milan, quella del momentaneo 2-0 ai danni del Cagliari. Una rete giunta in un momento assai particolare per lui, con tanto di dedica per quanto accaduto pochi giorni prima in Brasile; dove la tragedia che ha colpito il Flamengo, la sua ex squadra, ha scosso l’intero mondo del pallone e non solo. Con quei giovani ragazzi rimasti uccisi in un centro di allenamento, lo stesso che ha ospitato in passato Paquetà e anche Leonardo. E così, subito dopo aver visto la palla entrare dietro le spalle di Cragno, per il centrocampista verdeoro è divenuto quasi automatico rivolgere lo sguardo al cielo, verso quelle precoci vittime che sicuramente lo seguiranno ora nella sua crescita al Milan dall’alto. 

Paquetà, nel ricordo di Kakà

Ma c’è anche un lato romantico nella storia di Paquetà e vede coinvolti tutti i tifosi rossoneri; perché un centrocampista brasiliano non segnava in Serie A con la maglia del Milan dal 2014: marcatore, in quell’occasione, Kakà. Non di certo uno qualsiasi, anzi: proprio quell’ex 22 rossonero che, da molti, viene considerato come il punto di riferimento e, perché no, di raggiungimento per lo stesso Paquetà. Quest’ultimo a precisa domanda si schernisce, quasi non voglia passare per egocentrico: ma il tocco di palla in campo ricorda molto l’illustre predecessore; e se Paquetà continuerà a segnare con una certa regolarità, per i tifosi del Milan qualche sogno proibito potrebbe anche maturare in testa. 

Tutto merito di Bakayoko

Di certo l’esplosione dell’ex Flamengo è stata possibile soprattutto grazie all’altissimo rendimento recente di Bakayoko, che da oggetto del mistero è oggi un titolare inamovibile: è dal 31 ottobre, dalla sfida di recupero contro il Genoa, che l’ex Chelsea gioca ininterrottamente (eccezion fatta per la gara contro la Fiorentina dove era squalificato). Risultato: il Milan ha perso solo una partita (contro la Juventus a San Siro) e ha subito 9 gol in 14 incontri, per una media di 0.64 a gara. Di certo il rientro di Biglia porrà ora un problema per Gattuso, che a precisa domanda sul possibile dualismo tra i due ha chiarito: “E’ un problema, ma lo risolviamo”.

Torna Biglia, Kessie verso la cessione

Considerata l’indispensabile qualità in mezzo al campo di Paquetà e gli incoraggianti segnali di ripresa mostrati da Kessie, per Gattuso si prospetta una matassa molto difficile da sbrogliare. E intanto dall’Inghilterra rimbalza la notizia di un interessamento del Chelsea proprio per Kessie: a fine stagione i due club dovranno sedersi ad un tavolo per discutere il riscatto di Bakayoko, valutato 38 milioni di euro. E vista l’oggettiva difficoltà nel poter garantire questa somma a causa dei paletti del fair play finanziario, nessuno si meraviglierebbe se nella trattativa potesse essere inserito proprio l’ex atalantino.

News Reporter
Calabrese di nascita e milanese d'adozione, giornalista dal lontano 2001. Specializzato in ambito sportivo e appassionato del mondo dei videogiochi. Adora Kakà, innamorato da sempre di Van Basten, tanti anni divisi tra aule universitarie e campi di calcio l'hanno portato, alla fine, ad intraprendere il lavoro più bello del mondo. Quello del giornalista.

2 thoughts on “Milan: Paquetà e il problema Biglia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi