Olimpia Milano, F8 Coppa Italia, preview
( credit Alessandro De Giorgio)

Ancora 24 ore all’ inizio delle Final Eight di Coppa Italia che si terranno per il secondo anno consecutivo a Firenze. Le squadre partecipanti saranno AX Milano, Virtus Segafredo Bologna, Vanoli Cremona, Pallacanestro Varese, Sidigas Avellino, Happy Casa Brindisi, Umana Reyer Venezia e Dinamo Sassari. Facciamo il punto sullo stato attuale di forma delle otto partecipanti per cercare di capire cosa attenderci da queste F8.

Innanzi tutto gli accoppiamenti:

Griglia F8

AX Milano: i campioni d’ Italia arrivano al primo trofeo della stagione con uno dei suoi Big ai box. L’ intervento al ginocchio di Arturas Gudaitis ha recentemente cambiato l’ assetto milanese: più small ball, più cambi sistematici su tutti e maggior pressione a tutto campo. Entro le Alpi è sempre la favorita, con il rientro del duo Nedovic/Tarczewski e l’ innesto del nuovo acquisto Nunnally sembra che solo un suicidio possa far perdere il trofeo ai campioni d’ Italia.

Virtus Segafredo Bologna: le V Nere arrivano da un altalenante 2 vittorie e 2 sconfitte nelle ultime 4 gare. Tra le sconfitte c’è anche la rullata ricevuta al MediolanumForum dall’ Olimpia Milano( 94-75). I Bolognesi paiono destinati a fermarsi al primo turno ma attenzione, ha ottimi attaccanti che possono mettere in difficoltà difensiva gli esterni milanesi.

Vanoli Cremona: la squadra di Meo Sacchetti è la classica squadra che nessuno vorrebbe incontrare in una competizione ad eliminazione diretta. Nessun talento strabordante, ma un gruppo compatto che segue in maniera disciplinata la filosofia di gioco del Coach. Il Run and Gun di Sacchetti poi è il classico tipo di gioco che può far soccombere chiunque sulla gara secca( sopratutto se si pesca la serata di grazia dai 6,75 metri).

Openjobmetis Varese: gli uomini di coach Caja sono la sorpresa della LBA di questa stagione. Con un budget risicato e investimenti mirati, sono riusciti a costruire un roster affidabile e competitivo. Caja è il valore aggiunto in un team che ha ottimi elementi( Avramovic e Ferrero su tutti).

Sidigas Avellino: gli irpini cadono a pezzi, hanno più infortunati che arruolati. Rotazioni ridotte( giocheranno in 6/7) e voci di mercato( è di queste ore la commedia Ike Udanoh) rendono questa coppa una vera utopia per i verdi campani.

Happy Casa Brindisi: i salentini paiono l’ imbucato alla festa, nessuno se li aspettava, ma grazie ad una serie di prestazioni di carattere hanno staccato il pass per le F8. I Brindisini non hanno nulla da perdere e il giocare i quarti contro una incerottata Scandone, potrebbe spingerli fino una inaspettata semifinale.

Umana Reyer Venezia: come sempre negli ultimi anni, i lagunari si assestano nelle posizioni alte della classifica, come mai negli ultimi anni, paiono impossibilitati a raggiungere un trofeo. Per gli uomini di coach De Raffaele questa potrebbe essere l’ unica occasione per conquistare un trofeo in questa stagione. Il talento individuale per spuntarla in una competizione su gara secca c’è, dovranno fare uno step mentale.

Dinamo Sassari: i sardi sono una vera e propria mina vagante. Hanno appena sostituito( in maniera inaspettata) coach Esposito con Pozzecco, questo può voler dire solo due cose, o la squadra sprofonderà o sarà la vera sorpresa della competizione come lo fu Torino lo scorso anno.

News Reporter
Classe '83, ex giocatore di basket (12 anni di attività), laureato in scienze dell'organizzazione applicata allo sport.

2 thoughts on “Olimpia Milano, F8 Coppa Italia, preview

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi