Milan: il silenzioso addio di Montolivo
Ti piace questo articolo? Condividilo!

La crisi del settimo anno, quella che riduce anche i migliori matrimoni in polvere, entra dritta nel mondo calcio e separa il Milan da quello che fu il suo capitano. Quel Montolivo che, in questa stagione, ha conosciuto l’onta di un’eterna panchina. Lì dove si è seduto per ben 19 volte senza mai scendere in campo, lui che appare ormai come il vero, unico, irrecuperabile del progetto tecnico di Gattuso. Non che i suoi colleghi di reparto Bertolacci e José Mauri stiano meglio (tutti e tre sono a scadenza di contratto al prossimo 30 giugno, sarà un caso?), ma perlomeno hanno giocato qualche minuto in più. Per Montolivo, invece, zero minuti totali: al pari di Antonio Donnarumma, Plizzari e Strinic.

L’addio di Riccardo Montolivo

La crisi del settimo anno e l’addio che ormai è solo questione di mesi. Un Montolivo che, quando arrivò l’1 luglio del 2012 a parametro zero dalla Fiorentina, sembrava dovesse diventare il faro di questo Milan. E che, alla fine, si è rivelato un abile condottiero anche nei momenti di maggiore crisi. Quelli delle gestioni Inzaghi, Seedorf e Mihajlovic per intenderci, prima di finire nelle retrovie con l’avvento del Milan cinese, di Fassone, Mirabelli e soprattutto Gattuso. Di certo fa tenerezza vederlo lì, seduto in panchina. Con la giacca a vento tirata su costantemente per coprirsi fino al mento e poi spronare sui social i suoi compagni di squadra. Lui che, ogni volta che è stato chiamato in causa, ha sempre risposto presente: “Nessuna questione personale, la mia è una scelta tecnica” ha sempre ribadito Gattuso. Qualcosa tra i due però deve essere successo, perché Montolivo è l’unico rimasto costantemente in panchina anche nel periodo di massima emergenza pre natalizio; come quando il 22 dicembre arrivò a San Siro la Fiorentina e il tecnico schierò una mediana atipica con Calabria, José Mauri e Calhanoglu. Lì si capì che per Montolivo era finita l’epopea in rossonero. 

Milan, un trittico di addii

La sua ultima apparizione con il Diavolo rimane ancora quella del 13 maggio 2018. Quell’1-1 interno contro l’Atalanta condito da un’espulsione rimediata al 75’ per un grave fallo di gioco. Un commiato non da incorniciare, per quella che è stata per sette anni la sua casa. La crisi del settimo anno, appunto; quella che colpisce in pieno viso Montolivo dopo 158 gare di Serie A con 10 gol, 13 di Champions, 6 di Coppa Italia e 5 di Europa League; un amore destinato ad interrompersi il prossimo 30 giugno, ultimo giorno del suo attuale contratto. Impossibile una marcia indietro, anche perché la sua partenza, unita a quelle di Bertolacci e José Mauri, permetterà al Milan di risparmiare dieci milioni di euro annui di stipendio.

News Reporter
Calabrese di nascita e milanese d'adozione, giornalista dal lontano 2001. Specializzato in ambito sportivo e appassionato del mondo dei videogiochi. Adora Kakà, innamorato da sempre di Van Basten, tanti anni divisi tra aule universitarie e campi di calcio l'hanno portato, alla fine, ad intraprendere il lavoro più bello del mondo. Quello del giornalista.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi