Calciomercato Milan: Cutrone, segnali d’addio
Ti piace questo articolo? Condividilo!

Le ultime due reti il 12 gennaio, in Coppa Italia contro la Sampdoria. Per trovare il suo nome sul tabellino dei marcatori in Serie A bisogna addirittura tornare indietro al 2 dicembre (Milan-Parma 2-1). Cutrone e la titolarità, due mondi che di fatto non si sono mai incontrati quest’anno. E ora il giovane 21enne comasco, dopo aver perso il Milan, rischia anche il posto in nazionale. 

Cutrone, voglia di una maglia da titolare

Da punto fisso a riserva di lusso, il passo è breve; dopo un inizio sprint, con nove reti suddivise tra Serie A (tre), Europa League (quattro) e Coppa Italia (due), il vuoto. Di certo ad inizio stagione Cutrone non pensava di poter diventare il centravanti titolare del Milan, visto che le gerarchie con Higuain erano ben definite. Ma un po’ il sogno l’ha cullato, visto il pessimo periodo rossonero del Pipita e il suo ottimo score. E invece il 63 rossonero non gioca, non segna e, cosa ancor più grave, riflette sul suo futuro.

Da Higuain a Piatek, stesso destino

Chissà se la sua stagione avrebbe potuto svoltare domenica sera, quando quell’ultimo tiro in porta nel derby contro l’Inter non è entrato per poco. Magari una marcatura nella stracittadina, lui che l’anno scorso aveva condannato i cugini nerazzurri in Coppa Italia, avrebbe potuto sancire la sua rinascita. E invece niente, gioca poco e non segna. L’ultima gara da titolare è del 26 gennaio, Milan-Napoli 0-0. Al 72’ il cambio con quel Piatek che di fatto ha eclissato la sua figura nelle gerarchie di Gattuso e nel cuore dei tifosi. 

In azzurro per tornare a sorridere

E ora l’azzurro, per provare a ritrovare lo spazio che in rossonero non c’è più. Comprensibile, quando davanti hai il vice-capocannoniere del campionato: “Patrick è arrivato motivatissimo, deve ritrovare un po’ la condizione ma l’ho visto molto bene – ha precisato il ct dell’Under 21 Di Biagio, che lo lancerà titolare nel match contro l’Austriafarà una grande partita”. Il suo mal di pancia, silente, per il momento non miete vittime. Gattuso lo tranquillizza, ma Cutrone inizia a guardarsi attorno per un possibile addio a fine stagione: Borussia Dortmund, Atletico Madrid e Torino rimangono vigili. Sullo sfondo, poi, la clamorosa operazione con la Fiorentina: Chiesa al Milan, soldi e Cutrone in viola. Per ora solo rumors: Patrick sapeva di essere il centravanti di scorta a Milano, ma se fare la panchina a Higuain era stato accettato serenamente, trovare poco spazio anche con Piatek non sembra essere stato digerito.

News Reporter
Calabrese di nascita e milanese d'adozione, giornalista dal lontano 2001. Specializzato in ambito sportivo e appassionato del mondo dei videogiochi. Adora Kakà, innamorato da sempre di Van Basten, tanti anni divisi tra aule universitarie e campi di calcio l'hanno portato, alla fine, ad intraprendere il lavoro più bello del mondo. Quello del giornalista.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi