Olimpia Milano, LBA, schianto a Cremona

Seconda sconfitta consecutiva in LBA per le Scarpette Rosse. Gli uomini di coach Pianigiani capitolano al PalaRadi “grazie” ad un 4/4 di rara bruttezza. La cosa più grave di questo match non è la sconfitta in sé, quanto l’ insensatezza della gestione della gara.

Il primo tempo inizia con molta confusione in campo, i primi possessi del match paiono la fiera degli errori più che una gara tra la detentrice della Coppa di lega e i campioni d’Italia in carica. Da questa situazione esce fuori Nunnally, 3 triple consecutive e Olimpia che letteralmente scappa via. Raggiunto il massimo vantaggio i Bianco Rossi si spengono, la Vanoli ne approfitta e con un maxi parziale riesce ad impattare. Sul finire di tempo una fiammata milanese consente all’ AX Milano di mettere nuovamente il naso avanti. Si arriva al suono della sirena dell’intervallo lungo sul punteggio di 32- 36.

Il secondo tempo inizia con Cremona più energica sul parquet. La Vanoli impatta in un amen e costringe l’ Olimpia ad una gara punto a punto per tutto il 3/4, solo una magata di James Nunnally sulla sirena del 30esimo consente ai Bianco Rossi di iniziare l’ ultima frazione di gioco sul +4. Quando sembra che Milano sia in controllo, i Bianco Rossi si addormentano nuovamente. 11- 2 di parziale cremonese e Vanoli che torna in vantaggio e lo mantiene fino al termine della gara. Risultato finale 76- 72.

MVP del match Crawford. Per lui 24 punti, 3 rimbalzi e 22 di valutazione complessiva.

In casa AX Milano nessuna prestazione degna di nota ma solo tante domande tipo: Perché un tiratore mortifero come Amedeo Della Valle in un finale in cui andavano recuperati due possessi pieni è rimasto in panchina? Perché con un finale di eurolega tirato, anche questa sera Vlado Micov ha giocato 23 minuti e Fontecchio ( reduce da 2 tribune europee) solo 10? Perché Tarczewki ( unico centro presentabile in Euroleague) ha disputato 28 minuti mentre il duo Omic/ Burns ne ha giocati 9 in totale? Chissà se Coach Pianigiani proverà a dare una qualche connotazione tecnico tattica a questa sconfitta o si trincererà dietro la solita stanchezza e difficoltà nel gestire il nuovo format europeo.

News Reporter
Classe '83, ex giocatore di basket (12 anni di attività), laureato in scienze dell'organizzazione applicata allo sport.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi