Olimpia Milano, LBA, 100
Ti piace questo articolo? Condividilo!

IMG 20190205 083348
Vlado Micov ( credit Alessandro De Giorgio)

Vittoria numero 100 per l’ AX Milano nella classica del basket italiano tra Milano e Cantù. Gli uomini di coach Pianigiani, dopo un primo tempo giocato ai limiti della denuncia penale, riescono a portare a casa una vittoria importantissima per il morale, soprattutto perché avvenuta in rimonta e in un finale tirato. Inspiegabile Mike James,un primo tempo da spettatore in campo e una ripresa da protagonista.

Il primo tempo inizia sulla falsa riga delle ultime 5 uscite meneghine. Gli esterni dei campioni d’Italia non tengono uno scivolamento difensivo e i piccoli di Cantù mettono alle corde la difesa meneghina. Attacco dopo attacco, il divario tra le due compagini aumenta sempre di più toccando la doppia cifra di vantaggio nel 2/4. Si arriva al suono della sirena dell’intervallo lungo sul punteggio di 43- 56.

Il secondo tempo inizia con l’ AX Milano con tutta un’ altra faccia. I Bianco Rossi alzano l’ asticella in difesa, mettono un minimo d’ordine in attacco e( lentamente) iniziano la rincorsa arrivando al pareggio ad 1 minuto dalla fine della terza frazione. Una fiammata canturina sul finire di quarto fa tornare in vantaggio gli ospiti. Il 4/4 inizia con un 4- 0 a firma MJ che fa’ tornare in parità le due contendenti. Questo equilibrio sembra spezzarsi a 5 minuti dal termine quando Milano realizza un gioco da 6 punti e mette il naso avanti. Cantù però non stà a guardare, pareggia quasi subito e costringe l’ Olimpia ad un lungo corpo a corpo che a 1 minuto dalla fine si rompe definitivamente; Mike James allunga dalla lunetta e Tarczewki la chiude con un alley-oop. Risultato finale 98- 91.

MVP del match Kaleb Tarczewki. Il centro milanese chiude il derby con a referto 17 punti, 8 rimbalzi, +13 di +/- e 21 di valutazione complessiva.

Menzione speciale per Burns. L’ ala naturalizzata ( nonostante le stats individuali) è stata l’ anima difensiva della rimonta Bianco Rossa nel 3/4.

News Reporter
Calabrese di nascita e milanese d'adozione, giornalista dal lontano 2001. Specializzato in ambito sportivo e appassionato del mondo dei videogiochi. Adora Kakà, innamorato da sempre di Van Basten, tanti anni divisi tra aule universitarie e campi di calcio l'hanno portato, alla fine, ad intraprendere il lavoro più bello del mondo. Quello del giornalista.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi