Milan allo Stadium: serve una prova di carattere, rossoneri chiamati a reagire

Milan allo Stadium, nello stadio più ostico, contro l’avversaria più forte di tutte, almeno in Italia: il Milan nella prossima giornata di campionato è chiamato ad affrontare la Juventus che si avvia spedita verso l’ottava vittoria consecutiva dello scudetto. Gli uomini di Gattuso sono reduci da due sconfitte e un pareggio e a causa di questi risultati la corsa Champions si è complicata. Anche (e forse soprattutto) per questo, Romagnoli e compagni dovranno cercare di uscire indenni dalla trasferta di Torino. O almeno di scendere in campo con il piglio giusto.

Dal derby in giù, infortuni inclusi

Qualcosa si è inceppato, come ha detto anche Paolo Condò. Il Milan ha perso serenità e spensieratezza sul piano mentale, mentre in campo è venuta a mancare quella solidità difensiva che aveva caratterizzato le uscite rossonere fino al derby. Ecco: proprio la gara con l’Inter ha rappresentato un momento di svolta (in negativo, s’intende), visto che dopo quel match è arrivata prima la sconfitta per 1-0 a Marassi contro la Sampdoria, poi il deludente 1-1 interno con l’Udinese. Nell’ultima gara disputata i rossoneri sono sembrati indietro anche dal punto di vista fisico, e il gol preso in contropiede da una situazione di calcio d’angolo a favore ne è la dimostrazione. 

Come se non bastasse, ci sono anche gli infortuni a pesare su una situazione già complicata: Suso ha rimediato una botta al collo del piede e la sua presenza è a rischio, neanche Kessié è al top della forma; contro l’Udinese, inoltre, si sono fermati Donnarumma e Paquetà: entrambi salteranno la gara contro la Juventus. Conti, infine, è alle prese con un affaticamento muscolare. Nonostante il periodo negativo e nonostante gli infortuni, comunque, il Milan deve cercare in tutti i modi di evitare la sconfitta allo Stadium.

Milan allo Stadium, ostacolo insuperabile?

Di solito, per capire quanto sia difficile un’impresa su un campo particolare, si vanno a controllare online le quote delle scommesse sul calcio: queste ultime difficilmente mentono, e infatti in questo caso la Juventus parte sicuramente favorita. Vittoria bianconera fissata a 1.70, mentre il successo del Milan è dato a 6.00. L’ostacolo è parecchio alto: lo sanno i bookmaker, lo sa bene anche Gattuso, che comunque vorrà sicuramente vedere una reazione dal suo Milan. La Juventus ha già lo scudetto in tasca e potrebbe risparmiare le energie in vista dell’impegno di Champions contro l’Ajax, ma non per questo la squadra di Allegri va sottovalutata. Anzi: al momento rappresenta probabilmente l’ostacolo più grande, soprattutto nel suo stadio di casa. A prescindere da tutto, però, i rossoneri devono dimostrare qualcosa in più rispetto alle ultime uscite. Soprattutto dal punto di vista caratteriale.

Questione di carattere

Contro l’Inter le cose non sono andate bene, la partita è rimasta viva fino all’ultimo ma la sconfitta ha bruciato parecchio. Ci poteva stare, però: Spalletti ha a disposizione una rosa forte, almeno di pari livello rispetto a quella di Gattuso. Quello che “non può starci”, invece, è il doppio inciampo con Sampdoria e Udinese. Due partite da vincere in qualunque modo, dopo le quali invece il Milan si ritrova un solo punto in tasca. 

Ci dovrà essere una reazione contro la Juventus, soprattutto dal punto di vista caratteriale: quella partita potrà anche essere persa, ma i giocatori in campo dovranno dare davvero tutto. Servirà un segnale importante in vista di un finale di stagione che può vedere il Milan ancora protagonista. L’importante è invertire subito la rotta e tornare sui binari giusti.

News Reporter
Calabrese di nascita e milanese d'adozione, giornalista dal lontano 2001. Specializzato in ambito sportivo e appassionato del mondo dei videogiochi. Adora Kakà, innamorato da sempre di Van Basten, tanti anni divisi tra aule universitarie e campi di calcio l'hanno portato, alla fine, ad intraprendere il lavoro più bello del mondo. Quello del giornalista.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi