Revivre Axopower Milano, stagione finita

Si ferma a gara 2 dei quarti di finale il sogno Play Off per la Revivre Axopower Milano. Al PalaYamamay di Busto Arsizio non riesce l’impresa ai ragazzi di coach Giani. Si arrendono 3-1 al cospetto dell’Azimut Leo Shoes Modena. Forte del successo in gara, bissa la vittoria e vola in semifinale. Affronterà la vincente del confronto tra Perugia e Monza. Non basta alla formazione milanese l’avvio sprint nel primo set, vinto 25-17, con la compagine emiliana capace di reagire e vincere in rimonta (25-17, 20-25, 21-25, 20-25).

Revivre Axopower Milano, cronaca

Serviva solo una vittoria alla Powervolley dopo la sconfitta in gara 1, ma in gara 2 Matteo Piano e compagni non sono riusciti a trovare quel successo che avrebbe potuto riaprire la serie. Nell’impianto varesotto del PalaYamamay è Modena ad avere la meglio dei padroni di casa, trovando la forza per vincere in rimonta trascinati da una prestazione sontuosa di Christenson in regia, capace di imbeccare al meglio i suoi attacchi di palla alta. Dall’altra parte del taraflex Milano ha detto la sua, alzando la voce soprattutto in avvio di match. Il primo set è stato ampiamente dominato sotto tutti i punti di vista e chiuso 25-17. Non è però riuscita a trovare quella continuità necessaria per aggiudicarsi la contesa. La squadra di Velasco che è uscita alla distanza e con i colpi di Zaytsev (19 punti), Urnaut (15 punti) e Bednorz (12 punti) ha fatto sua la sfida, trovando il pass per approdare in semifinale. Non sono bastati alla Revivre Axopower i 18 punti di un costante Nimir ed il ritorno in campo di Matteo Piano. Seppur non al 100%, ha trovato ben 3 muri vincenti sui 7 totali di squadra negli scampoli di partita disputata dal capitano milanese.

Le parole di Giani

A fine gara è la voce di Andrea Giani a commentare una sconfitta che lascia delusione ed amarezza, ma anche speranza per un futuro che non può che essere roseo per questa Milano. «Abbiamo affrontato una squadra abituata a giocare partite importanti in tuti i tornei. Noi abbiamo fatto la nostra partita. Ci è mancata solo l’abitudine a giocare a questi livelli. Il match di oggi ha dimostrato un livello altissimo. Nelle situazioni di punto a punto non abbiamo avuto la decisione di chiudere il punto che non è legata tanto ad un aspetto tecnico, quanto ad una predisposizione a giocare ad un livello».

PalaLido

Si chiude così la stagione della Revivre Axopower Milano. Una stagione esaltante, iniziata in salita. Ha permesso alla formazione ambrosiana di crescere partita dopo partita, colpo dopo colpo, dopo una vittoria e dopo una sconfitta. La delusione – come è logico che sia – ora è tanta. Se questo collettivo saprà trovare la forza di trasformare queste emozioni in stimoli ed energie positive, la stagione 2019-2020, quella del definitivo ritorno a Milano al PalaLido, non potrà che regalare sorprese e sorrisi

News Reporter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi