Ci6alle6, correre all’alba si può

Tre anni fa un gruppo di persone, che fino a quel momento non si conoscevano, decidono di condividere la passione per la corsa. Niente di nuovo e particolare, se non fosse che il luogo destinato ad appagare la loro voglia di correre è il Parco Nord, grande polmone verde alle porte di Milano, e l’ora del ritrovo a dir poco inusuale. Decidono infatti di ritrovarsi in un momento nel quale la maggior parte della città ancora dorme. Alle sei di mattina. Da qui il nome del gruppo, Ci6alle6. Scelta coraggiosa visto che al Parco Nord, a quell’ora, non è raro incappare in situazioni spiacevoli. I risultati hanno nel tempo dato loro ragione. I partecipanti sono oggi una settantina e la metà sono donne. Quelle che più di tutti hanno apprezzato il progetto di svegliarsi e correre insieme per godere, in sicurezza, delle bellezze del parco e della città.

Ci6alle6, gruppo eterogeneo e coeso

Il nome del gruppoci racconta Andrea De Martino, uno dei fondatori del gruppo – è nato dalla chat di whatsapp creata per trovarsi alle sei di mattina al ponte del Parco Nord che collega Affori a Niguarda per una corsa in compagnia. Nato per scherzo ad ottobre 2015, il gruppo è cresciuto grazie al passaparola. Ci siamo allargati ed oggi siamo 70 iscritti. Un gruppo molto eterogeneo – sottolinea Giovanni Collevecchio, altro fondatore di Ci6alle6 – Partiamo dal più giovane, quattordicenne, per arrivare al nostro iscritto senior di 71 anni. Partecipanti per i motivi più vari ma tutti con la stessa motivazione di condividere la fatica con le altre persone del gruppo. Ognuno di noi diventa la leva motivazionale per tutti gli altri. E si crea così un momento che ci accomuna. Uniti nello spirito di amicizia, divertimento e collaborazione

Le ragazze, le più determinate 

Ci riconosciamo in tre valori- afferma Giovanni Collevecchio –Accoglienza, appartenenza e condivisione. Sempre disponibili verso tutti coloro che li vogliono condividere. Indipendentemente dalle capacità e dalle prestazioni sportive, è sufficiente che abbiano voglia di correre. Perché apparteniamo ad un gruppo con sani principi. Con la voglia di condividere le nostre vite, anche al di fuori della corsa, insieme alle nostre famiglie. Le ragazze sono le più entusiaste del progetto. Dalle quattro iniziali siamo arrivati alle trentaquattro attuali, la metà dell’intero gruppo. E sono le più determinate. Perché è un progetto che ispira simpatia. Tra le amiche del gruppo che aderiscono alle nostre iniziative anche Rocio Rodriguez, moglie del giocatore dell’Inter Borja Valero

Ci6alle6, appuntamento fisso dell’intera settimana

“Diventato appuntamento fisso nell’arco dell’intera settimana– continua Andrea De Martino – l’affluenza maggiore, ovviamente, è nella giornata domenicale. Alla domenica poi c’è l’imbarazzo della scelta tra le tante gare possibili. Solitamente avanzo una proposta e chi vuole aderire esprime la propria scelta nella chat. Chi non può partecipare per impegni familiari e preferisce rimanere in zona si trova comunque al Parco Nord perché è sicuro di trovare sempre qualcuno”

L’iscrizione alla FIDAL

La situazione ci è sfuggita di mano – rimarca con soddisfazione Andrea De Martino – Non pensavamo di creare una cosa così grande che ci piacesse e ci appagasse così tanto. Tant’è che abbiamo dovuto costituirci in associazione ed iscriverci alla FIDAL per consentire a chi volesse affrontate gare sopra i 10 km di poterlo fare”

Nessuno corre da solo

Il progetto piace, non c’è che dire – interviene Giovanni Collevecchio –Piace così tanto che persino il notaio al quale ci siamo rivolti per la costituzione dell’associazione lo ha apprezzato e non ci ha fatto pagare la parcella. Questo perché lo spirito del gruppo è uno spirito sano. Correre tutti insieme senza lasciare indietro nessuno. Le rotonde del Parco Nord peraltro ci consentono di tornare indietro e recuperare chi è rimasto indietro, ricompattando in tal modo il gruppo. La corsa è uno sport individuale, noi la viviamo come sport di squadra. Nessuno corre mai da solo

Ci6alle6, correre in tranquillità

Corriamo tutto l’anno – sottolinea Giovanni Collevecchio – con qualsiasi temperatura e qualsiasi condizione atmosferica. Corriamo comunque in sicurezza, aspetto molto apprezzato dalle donne del gruppo che non avrebbero altrimenti la possibilità di correre nel parco nelle prime ore delle giornate invernali. Se durante la settimana il percorso di 10 km è lo stesso, alla domenica si può arrivare anche a 15-20 km. In questo caso partiamo un po più tardi, alle 7.30 circa. Comunque in tempo utile per consentire a tutti il normale svolgimento degli impegni domenicali con la famiglia”

Le “tapasciate”

Non solo corsa nel parco e gare. “L’obiettivo di Ci6alle6 – racconta Giovanni Collevecchio – rimane quello di condividere la comune passione in un clima rilassato. Per questo facciamo quelle che noi definiamo le “tapasciate”. Passeggiate a passo libero, organizzate dalla FIASP. Come “Corti e cascine”, svoltasi due settimane fa a Bellinzago Lombardo. Non è raro poi che partiamo dal Parco Nord alla volta del Duomo di Milano. In quella che chiamiamo “Assalto al Duomo” Attraverso il Quartiere Isola, Corso Garibaldi, Brera giungiamo in Piazza del Duomo in un momento della giornata nel quale la piazza è veramente suggestiva”

Non mancano i momenti ludici

Ovviamente dopo tre anni siamo ormai un gruppo di amici– continua Giovanni Collevecchio – e non manchiamo mai di celebrare insieme i nostri compleanni. Approfittiamo così della presenza di un bar in zona Niguarda che apre alle 6:30 per ritrovarci in occasione di un compleanno e fare colazione tutti insieme. Colazione gentilmente offerta dal festeggiato. Condividiamo ogni momento del tempo che trascorriamo insieme. Con un occhio anche ai meno fortunati

Nulla può accadere senza un incontro

Da tre anni collaboriamo con COMIN Onlus, impegnata a realizzare interventi educativi a favore di bambini e famiglie in difficoltà – dice Andrea De Martino – Alla quale destiniamo i fondi che riusciamo a raccogliere con la partecipazione ad iniziative benefiche. Con loro disputiamo Milano City Marathon. Con i soldi che siamo riusciti a raccogliere, COMIN ha creato alloggi per bambini, fino a tre anni, orfani dei genitori. Oltre alle Case del Tempo, a Turro e in Piazzale Accursio, per gli anziani privi di una rete di relazioni e perciò senza affetti. Sabato 11 maggio saremo a Peschiera Borromeo al Campo Borsellino per una 24 ore (dalle 11:00 di sabato 11 maggio alle 11:00 di domenica 12 maggio) per raccogliere fondi. Una occasione per stare tutti insieme, genitori e figli. Perché, come recita il nostro slogan, nulla può accadere senza un incontro





News Reporter

1 thought on “Ci6alle6, correre all’alba si può

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi