Cisalfa Seamen di nuovo in vetta

Se volevano mandare un messaggio, di quelli forti e chiari, al campionato, i Cisalfa Seamen hanno trovato davvero il momento giusto. Il più temibile degli incroci, quello decisivo per assegnare la prima piazza della stagione regolare, contro gli imbattuti Giants Bolzano, finisce con un trionfo blue navy. CConsegna agli archivi una partita nella quale la squadra di Michael Wood, per quanto orfana di numerosi titolari, ha sfiorato la perfezione. Che si sarebbe trattato di un match diverso dai precedenti lo si era capito fin dall’inizio. Dopo un lunga pausa determinata dall’infortunio del bolzanino Luca Brighenti, a lui vanno i più sinceri auguri del popolo blue navy, i Marinai hanno cominciato a sciorinare una prestazione difensiva eccellente e a mostrare una produttività in attacco che non si vedeva da qualche tempo.

Cisalfa Seamen, la cronaca

Con drive ben congeniati e senza incorrere in errori determinati dalla fretta, i Cisalfa Seamen hanno piazzato, tra la fine della prima frazione e l’inizio della seconda, due splendidi touchdown. Sono stati realizzati da Luke Zahradka, ancora una volta prestato al ruolo di ricevitore e da Pietro Previtali. Sigillata la propria end zone, con i Giants costretti a più riprese al punt, fino al field goal messo a segno da Giuseppe Della Vecchia, i padroni di casa hanno sempre mantenuto con autorità le redini della gar. Hanno espanso il vantaggio con Pietro Stillitano per la meta che è valsa il 21 a 3 all’half time.

La ripresa

Chi pensava a una ripresa diversa ha dovuto ricredersi. Il terzo quarto si è trasformato in un show della premiata coppia formata da Xavier Mitchell e Anthony Sherrils. E’ stato capace di mettere a segno due touchdown, uno a testa e altri due punti, su ritorno d’intercetto successivo a un tentativo di trasformazione dei Giants. Le restanti mete, per i padroni di casa a segno Antonio Raffaele, hanno aggiornato lo score, in finale di terzo quarto, sul 44 a 9. Hanno fatto scattare l’applicazione della “running clock rule”, fatto impensabile alla vigilia del match.

Il finale

A due secondi dalla fine i Giants hanno trovato il touchdown di Mark Simone. Ha fissato il punteggio sul definitivo 44 a 16 per i campioni d’Italia in carica. Ora, forti del vantaggio di poter giocare tra le mura del Vigorelli, attendono di conoscere, dall’esito delle wild card, il nome dell’avversario prescelto per la semifinale. In sede di consuntivo spiccano le prestazioni individuali di Danilo Bonaparte, trascinatore di un attacco in cui tutto è funzionato al meglio, di Ismail Lamamra, ricevitore dalle mani sempre più sicure, di Xavier Mitchell, tornato ai suoi standard abituali e di Anthony Sherrils. Alla sua prima partita da titolare effettivo, ha mostrato sprazzi di quella classe cristallina. Lo avevano prima reso un leader alla Missouri university e, poi, gli erano valsi una chiamata dai Detroit Lions.

La chiave

Clamorosa la prestazione difensiva, supportata dal rientro dello stesso Sherrils. E’ stato capace di azzerare, per buoni tratti, la produzione offensiva alto atesina e di mettere in seria difficoltà il passing game ospite con vari intercetti e una costante pressione messa in atto dalla linea. Chiudiamo infine con l’immagine del sesto touchdown dei Marinai, il più spettacolare. E’ stato rodotto di un ritorno di punt inziato da Xavier Mitchell e concluso, dopo un pitch del ricevitore, da una volata di Anthony Sherrils. Un’anteprima di quanto la coppia potrà mettere in atto nella post season.

News Reporter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi