Run 24-1: dalle Figi a Monaco, passando per Milano

Dopo il successo dell’evento globale dello scorso anno, l’IAAF Run 24-1 tornerà per la sua seconda edizione sabato 2 giugno con una serie di 24 percorsi di un miglio messi in scena in tutto il mondo, per sostenere il Global Running Day, la celebrazione mondiale che incoraggia tutti a muoversi.

Run 24-1, si comincia dalle Isole Figi

A partire dalle Isole Figi e terminando 24 ore dopo negli Stati Uniti, l’iniziativa IAAF Run 24-1 incorpora gare disputate in 24 città in 24 paesi in sei continenti per creare la più grande corsa continua di un miglio mai realizzata in più città in 24 ore. Più di 12.000 corridori hanno partecipato alla prima edizione della IAAF Run 24-1 nel 2018 e quest’anno la partecipazione dovrebbe aumentare nelle 24 città ospitanti. Collaborando con le federazioni nazionali di atletica, i ministeri dello sport, i governi delle città e gli organizzatori di gare di tutto il mondo, l’obiettivo è quello di ispirare e motivare le persone e le comunità a partecipare allo sport più accessibile del mondo e provare l’emozione e il divertimento della corsa.

Si correrà anche a Milano

Dopo il calcio d’inizio nelle Fiji, la corsa globale si sposta a Melbourne e poi nelle principali capitali dell’Asia come Tokyo, Pechino, Singapore e Delhi. L’evento centroasiatico si svolgerà nella capitale del Kazakistan Nur Sultan prima che l’evento si trasferisca in Africa con fermate a Mauritius e Nairobi. Continuerà quindi a Gaza e attraverserà l’Europa con una tappa a Istanbul, seguita da Copenhagen, Milano e Birmingham. La campagna globale si sposta quindi in Africa a Gaborone, Yaoundé e Rabat. Prima di attraversare l’Atlantico e raggiungere San Paolo, Santiago, L’Avana, Bogotà, Messico, Stati Uniti e concludere il tour a Monaco.

Un’esperienza globale

“Con il nostro evento Run 24-1 offriamo alle persone di tutto il mondo una grande opportunità per entrare a far parte di una comunità globale di camminare e correre”, ha dichiarato il presidente della IAAF Sebastian Coe. “Sappiamo che la salute e la felicità sono spesso strettamente legate all’esercizio fisico, e sono molto felice che alla IAAF. E sono sicuro che per la maggior parte di loro sarà il primo di molti”. Per poter partecipare bisogna iscriversi a questo link

News Reporter
Calabrese di nascita e milanese d'adozione, giornalista dal lontano 2001. Specializzato in ambito sportivo e appassionato del mondo dei videogiochi. Adora Kakà, innamorato da sempre di Van Basten, tanti anni divisi tra aule universitarie e campi di calcio l'hanno portato, alla fine, ad intraprendere il lavoro più bello del mondo. Quello del giornalista.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi