Filippo Tortu a Oslo: “Stagione lunga, ma vi dico che…”

L’obiettivo grosso è ancora lontano, perché i mondiali di atletica si disputeranno solo dal prossimo 28 settembre al 6 ottobre a Doha, in Qatar. Ma è chiaro che bisogna arrivarci nel miglior modo possibile, per provare a battere una concorrenza sempre più agguerrita. Ed è per questo che domani (ore 21), Filippo Tortu fa il suo ritorno in pista, per la sua personale seconda uscita stagionale sui 100 metri. 

Filippo Tortu in pista ad Oslo

L’occasione saranno i Bislett Games di Oslo, in Norvegia. Dove stasera il 20enne brianzolo delle Fiamme Gialle farà vedere che il primato italiano dallo scorso giugno (9.99 a Madrid) non è stato un caso. A sette giorni dal quinto posto nei 200 al Golden Gala di Roma, dunque, il ritorno in Diamond League. “La gara sarà molto interessante perché vede una startlist di primo piano – le parole di Filippo Tortu, reduce dal 9.97 ventoso (+2.4) a Rieti – Questo tipo di competizioni sono un’ottima occasione per gareggiare con atleti di altissimo livello internazionale, che mi stimolano a fare sempre meglio. Le sensazioni di questi giorni sono buone, si tratta ancora delle prime uscite e la stagione quest’anno è lunga, ma sono molto positivo e desideroso di scendere in pista”. 

I rivali di Filippo 

E ha proprio ragione, Filippo. Perché questa sera a Oslo al via ci sarà il gotta dei velocisti attuali. Tra i favoriti Christian Coleman, americano, 9.86 nei 100 metri di Shanghai, il migliore al mondo nella scorsa stagione con il 9.79 di Bruxelles che gli ha dato la vittoria nel circuito del diamante. Ma assieme a lui saranno almeno altri quattro gli atleti che Filippo dovrà temere: dall’americano Mike Rodgers (9.85 in carriera) al britannico vicecampione europeo Reece Prescod (9.97 a Shanghai), fino al connazionale di quest’ultimo Chijindu Ujah e al cinese Xie Zhenye. Completano il cast il giapponese Yuki Koike e il britannico Tommy Ramdhan.

News Reporter
Calabrese di nascita e milanese d'adozione, giornalista dal lontano 2001. Specializzato in ambito sportivo e appassionato del mondo dei videogiochi. Adora Kakà, innamorato da sempre di Van Basten, tanti anni divisi tra aule universitarie e campi di calcio l'hanno portato, alla fine, ad intraprendere il lavoro più bello del mondo. Quello del giornalista.

1 thought on “Filippo Tortu a Oslo: “Stagione lunga, ma vi dico che…”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi