Fare atletica a Milano è impossibile: mancano gli impianti
Ti piace questo articolo? Condividilo!

Fare atletica a Milano, croce e delizia di un movimento che sforna atleti e successi a ripetizione ma che, paradossalmente, non ha impianti predisposti ad ospitare manifestazioni. Con il movimento sportivo in toto che spera nell’assegnazione delle Olimpiadi invernali del 2026 al duo Milano-Cortina.

Fare atletica a Milano è impossibile

Di certo il fermento che c’è intorno al mondo dell’atletica milanese è evidente. Con la Bracco e la Riccardi che spesso si spartiscono i titoli nazionali. Con Filippo Tortu che conquista il pubblico e con il sogno del Golden Gala. “In un contesto triste, dove oltre al centro XXV Aprile c’è ben poco – l’ammissione di Franco Angelotti, presidente della Bracco Atletica gli altri spazi a disposizione, infatti, sono lo scenario di una situazione drammatica”. Servirebbero nuovi investimenti, con il Golden Gala che potrebbe essere un primo fattore di movimento: “Saremmo felici se arrivasse a Milano – prosegue Angelotti – si riprenderebbe la tradizione della Notturna, che non si disputa più dal 2009. Mi auguro solo che la campagna pubblicitaria non crei false attese e poi non ci si ritrovi senza la possibilità di poterlo ospitare causa la scarsità degli impianti a disposizione”.

La Regione Lombardia al lavoro

Gli fa eco Martina Cambiaghi, assessore allo sport della Regione Lombardia. La quale però da buon politico cerca di vedere il bicchiere mezzo pieno. “E’ vero, la situazione milanese per l’atletica non è ottimale – la sua ammissione – ma il nostro lavoro prosegue. La Regione ha già investito molti soldi nella ristrutturazione degli impianti esistenti e nello sviluppo di nuovi e continuerà a farlo. A prescindere dal fatto che possa arrivare l’assegnazione per le Olimpiadi del 2026”.

Le Olimpiadi Milano-Cortina 2026 potrebbero aiutare

Che, però, darebbero una spinta notevole: “Stiamo andando verso quest’appuntamento importante, la candidatura di Milano-Cortina 2026 – prosegue Franco Angelotti – ci auguriamo ovviamente il successo di Regione Lombardia e della delegazione italiana; e mi auguro soprattutto che il tutto possa essere anche l’occasione per un piano straordinario di investimenti in Lombardia per l’impiantistica sportiva. La Regione ha investito tante risorse a fondo perso nel corso degli anni, ma purtroppo Milano non è ancora una città adeguata per ospitare l’atletica”.

News Reporter
Calabrese di nascita e milanese d'adozione, giornalista dal lontano 2001. Specializzato in ambito sportivo e appassionato del mondo dei videogiochi. Adora Kakà, innamorato da sempre di Van Basten, tanti anni divisi tra aule universitarie e campi di calcio l'hanno portato, alla fine, ad intraprendere il lavoro più bello del mondo. Quello del giornalista.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi