L’Inter sta tornando, il Milan apre una nuova fase della sua storia

La prossima potrebbe essere la stagione del rilancio definitivo di Inter e Milan. Le due milanesi, in modi differenti, stanno cercando di tornare ai fasti del passato attraverso due percorsi paralleli. Secondo chi si occupa di scommesse sul calcio, infatti, i neroazzurri sono i candidati principali per la lotta alla Juventus per la conquista dello scudetto. Il Milan, invece, può ripartire alla grande e puntare alla qualificazione in Champions League.

La nuova Inter di Antonio Conte

La nuova Inter di Antonio Conte sarà una squadra aggressiva, marchio di fabbrica dell’ex tecnico della Juve, ma anche più forte dal punto di vista qualitativo. Prima di procedere con gli acquisti bisogna capire alcune situazioni dei calciatori in rosa. Il caso Icardi continua imperterrito a tenere banco, con l’ex capitano più che restio a lasciare la maglia nerazzurra. Perisic potrebbe restare, ma pure rientrare nel discorso plusvalenze in caso di corposa offerta dalla Premier (Tottenham e Leicester su tutti). Joao Mario e Dalbert sono in uscita ma ancora non è stata trovata la proposta giusta, possibile quindi che si debba passare ancora una volta dalla cessione di giovani promettenti.

Poi però, inevitabile, si sarà parlato anche di acquisti, con Dzeko e Barella che restano primissimi obiettivi.

Il sogno del tecnico pugliese si chiama Romelu Lukaku, calciatore belga in forza al Manchester United che ha espresso tutto il proprio gradimento in merito ad una possibile avventura nel calcio italiano. I Red Devils valutano l’ex Chelsea circa 70 milioni di euro, cifra che potrebbe essere coperta dalla cessione di Maurito Icardi. L’ingaggio, invece, potrebbe rappresentare un ostacolo insormontabile visto che il bomber fiammingo guadagna già oltre dieci milioni di sterline in Inghilterra. Il tempo per portare avanti la trattativa c’è, ma per concluderla ci vuole una cessione illustre, che porta il nome del capitano Icardi.

Il Milan targato Giampaolo

Manca ancora l’ufficialità ma il prossimo tecnico del Milan sarà Marco Giampaolo. L’ormai ex allenatore della Sampdoria probabilmente confermerà quanto visto negli ultimi due anni alla Sampdoria, un 4-3-1-2 dove vengono privilegiati i calciatori di qualità. Ecco come potrebbe schierarsi il suo Milan tenendo conto dei giocatori in rosa e delle notizie di mercato.

In porta il più grande rebus da risolvere con Gigio Donnarumma corteggiato dal PSG. Una sua eventuale cessione potrebbe portare nelle casse del Milan fondi freschi da investire sul mercato.

In difesa confermati capitan Romagnoli e i due terzini, Calabria e Rodriguez. Ci si aspetta novità dal mercato per il centrale destro, Andersen piace a tecnico e società, ma occhio alla soluzione d’esperienza con Lovren.

A centrocampo ci sarà il rombo nel quale Paquetà sarà chiamato ad essere il vertice alto, l’uomo chiamato a innescare l’attacco. Mezz’ali due giocatori dalle caratteristiche diverse fra i loro, Kessiè a destra e Calhanoglu a sinistra. In regia con l’addio di Bakayoko è rimasto il solo Biglia, ma sarà comprato un giocatore, molto probabilmente Sensi.

In attacco il tecnico preferisce due punte mobili. Certo del posto Piatek, Giampaolo potrebbe provare in quella posizione Suso. Se lo spagnolo dovesse partire, dal mercato potrebbe arrivare Kouamè, ma c’è anche Andrè Silva, di ritorno dal prestito al Siviglia.

News Reporter
Calabrese di nascita e milanese d'adozione, giornalista dal lontano 2001. Specializzato in ambito sportivo e appassionato del mondo dei videogiochi. Adora Kakà, innamorato da sempre di Van Basten, tanti anni divisi tra aule universitarie e campi di calcio l'hanno portato, alla fine, ad intraprendere il lavoro più bello del mondo. Quello del giornalista.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi