Street Basket, anche Andrea Cinciarini ad adidas Playground Milano League

Street basket a Milano. Una sfida per riportare il basket alla sua condizione più semplice e naturale. Sulla strada, tra persone comuni. Per far rivivere i tanti campi all’aperto disseminati per la città, senza velleità di agonismi esasperati. Cosa, questa, che non ha impedito ad Andrea Cinciarini nello scorso weekend, durante il quale si è svolto adidas Playground Milano League, di presentarsi e giocare con i bambini in uno dei campi di mini basket allestiti nell’occasione. Dalle eliminatorie disputate sabato 15 e domenica 16 sono uscite venti squadred (dodici maschili e otto femminili) che si affronteranno il prossimo 4 luglio alla Darsena per The MINALS, l’evento finale. In una unica giornata che si preannuncia ricca di eventi grazie al palco Adidas ed alla possibile partecipazione di un giocatore NBA. Una due giorni organizzata da Sound Basket con il patrocinio di Regione Lombardia, Comune di Milano e Federazione Italiana Pallacanestro Lombardia.

Street Basket, due anni fa il primo evento

Due anni fa mi trovavo a Lecce per un camp – spiega Enrico Montefusco, socio fondatore di ASD Scuola Sound Basket ed attuale coach delle giovanili di Urania Milano – Ero stato invitato da Paolo Avvantaggiato, ex team manager a Milano e Cantù. Mi coinvolse nell’idea di realizzare un evento. La scelta cadde su un torneo 3×3. Un sabato pomeriggio ed una domenica mattina con un clinic per allenatori tenuto da Marco Fioretti, oggi assistente all’Olimpia Milano. Lecce non è propriamente terra di pallacanestro. Nonostante le difficoltà ambientali riuscimmo però ad avere 140 iscritti e 1000 presenze. Grazie anche ai nomi che riuscimmo a coinvolgere. Tra questi Danilo Gallinari, Nando Gentile, Alessandro e Stefano Gentile, Gek Galanda, Massimo Bulleri, Denis Marconato. E Carlo Recalcati allenatore della squadra

Scuola Sound Basket, cinque menti un unico filo conduttore

Se l’evento aveva funzionato a Lecce– continua Enrico Montefusco – perché non portarlo a Milano? Realizzammo così ASD Scuola Sound Basket avvalendoci delle professionalità di persone con una lunga e consolida esperienza nel mondo sportivo. Se Fabio Napoleone aveva esperienza nel management sportivo, Matteo Mantica vantava dieci anni nella comunicazione con Olimpia Milano. Stesso comune denominatore per Cinzia Lauro con una ventennale esperienza nella segreteria organizzativa di Olimpia Milano prima e Pallacanestro Cantù poi”

Filo conduttore, la strada

Filo conduttore del progetto la strada. “Ci siamo sempre posti l’obiettivo di avvicinare i giovani per allargare la base dei praticanti del 3×3. Un movimento che in altri paesi, soprattutto quelli dell’Est, è già fortissimo. Ad oggi le uniche medaglie mondiali sono arrivate dalla Nazionale femminile. Tant’è che la Federazione Italiana Pallacanestro nei raduni regionali spinge molto sul 3×3. Rispetto ai rigidi canoni della Federazione Italiana Pallacanestro, però, noi proponiamo un gioco più flessibile con unico limite l’età per le iscrizioni. Così da creare attraverso lo street basket una comunità dinamica e lasciare in eredità esperienze e senso di appartenenza da condividere sul territorio

Seconda edizione, nuovo format

Già dalla prima edizione abbiamo avuto il contributo di Adidas. Un nuovo format con 3 categorie maschili, Under14, Under 16 e Senior (da 18 in poi). E due femminili, una Under16 ed una Senior. Cinque categorie impegnate in contemporanea su nove playground, uno per ogni municipio della città. Le categorie sono divise a loro volta in quattro divisioni: Nord, Sud, Ovest, Est. I vincitori di ogni divisione si ritroveranno il 4 luglio alla Darsena per disputare semifinali e finali per ogni categoria. Per un totale di venti squadre, dodici maschili ed otto femminili. Sarà la cartina di tornasole per capire l’apprezzamento del pubblico”

Andrea Cinciarini sul campo con i bambini

adidas Playground Milano League non è però solo 3×3. “Con la manifestazione di street basket – conclude Enrico Montefusco – abbiamo voluto incrementare il nostro impegno nell’ambito della responsabilità sociale verso la città attraverso azioni concrete e dal forte valore simbolico. Sono stati interamente dedicati ai bambini dai 6 agli 11 anni dedicati due playground, ai Giardini Oriana Fallaci ed ai Giardini Alberto Moravia, che hanno avuto la possibilità di divertirsi e provare a giocare a basket. Nella mattinata di sabato 15 dalle ore 11 alle 12.30 è stato presente anche Andrea Cinciarini che ha giocato con i bambini

Attorno ai playground tanti progetti

Nove panchine rosse, una per ciascun playground dove si è disputato adidas Playground Milano League. Inaugurate nelle giornate di sabato 15 e domenica 16. Presente al playground di Piazza Marinai d’Italia Regina Baresi. All’inaugurazione delle panchine ha presenziato anche Diana De Marchi, presidente della Commissione Pari Opportunità del Comune di Milano. Per lasciare un segno tangibile nella lotta alla violenza contro le donne. Un percorso di sensibilizzazione lanciato dagli Stati Generali delle Donne e rivolto a Comuni, associazioni, scuole e imprese di tutta Italia. In collaborazione con l’associazione culturale Key Gallery, su ciascun playground sono state inoltre realizzate performance di street art. Infine con il Progetto Playgr…een per playground sostenibili si è puntato a sensibilizzare su una maggiore sostenibilità ambientale da molti considerata più un costo che un beneficio.

Per informazioni: http://www.playgroundmilanoleague.com/contact

News Reporter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi