Come funzione un’associazione sportiva no profit

Sentiamo parlare sempre più spesso associazione sportiva no profit, si tratta di organizzazioni che perseguono finalità sportive senza fine di lucro. Tali associazioni dilettantistiche come tutte le associazioni no profit devono avere determinate caratteristiche per poter usufruire dei benefici fiscali previsti. Per prima cosa l’associazione deve essere composta da un’assemblea di soci che lavorano per perseguire il fine sportivo prefissato senza alcuno scopo di lucro. Vi è poi un organo direttivo eletto che è l’organo esecutivo ed il presidente che è il rappresentante legale dell’associazione. L’associazione dovrà poi registrarsi presso il CONI per vedersi riconoscere la finalità sportiva e accedere alle agevolazioni fiscali previste dal governo. 

All’atto della costituzione l’associazione deve avere un atto costitutivo e uno statuto, poi bisognerà procedere alla registrazione presso l’agenzia delle entrate, presso la federazione sportiva nazionale  e infine  presso il CONI. L’associazione dilettantistica no profit deve avere una denominazione dove verrà indicata la finalità sportiva e la dicitura “dilettantistica”, oltre a una sede legale dove verranno custoditi tutti i documenti principali , i registri, i bilanci e i verbali delle assemblee dei soci. L’associazione dovrà organizzare un’attività sportiva  con corsi rivolti ad amatori e atleti dilettanti. 

Benefici fiscali per l’associaziona sportiva no profit

Requisito fondamentale per un’associazione sportiva no profit è che i soci contributori non ricevano utili dall’associazione, tutti i contributi versati devono essere utilizzati esclusivamente per raggiungere le finalità per le quali l’associazione è stata costituita. Le associazioni no profit beneficiano di agevolazioni fiscali, pertanto questi contributi non saranno soggetti a tassazione ma devono essere regolarmente iscritti nel bilancio annuale. Gli istruttori che lavorano presso le associazioni sportive dilettantistiche vengono remunerati ma tali importi non sono soggetti a  tassazione.

Gli organi di una associazione sportiva no profit

Gli organi di un’associazione sportiva dilettantistica sono gli stessi di una qualsiasi altra associazione:

  • l’assemblea dei soci
  • il consiglio direttivo
  • il presidente

L’assemblea dei soci è composta da tutti i soci contributori che si sono iscritti all’associazione, l’assemblea si riunisce una volta l’anno per l’approvazione del bilancio, per definire le linee guida ed i progetti dell’associazione. L’assemblea  si può riunire anche per motivi straordinari come elezioni del presidente o del consiglio elettivo, modifiche allo statuto, scioglimento dell’associazione. Ogni riunione viene dettagliatamente documentata e i verbali conservati.

Il consiglio direttivo è composto da tre a sette soci eletti dall’assemblea, costituiscono l’organo esecutivo dell’associazione che coordina i progetti, segue gli eventi e si occupa della corretta tenuta della contabilità e di tutti gli adempimenti amministrativi obbligatori per legge.

Il presidente è il rappresentante legale dell’associazione, la persona che rappresenta l’associazione anche dal punto di vista legale,

Strumenti utili per gestire in maniera più semplice un’associazione sportiva dilettantistica 

Gestire un’associazione no profit non è sicuramente semplice, il problema è sempre reperire i finanziamenti necessari per  poter concretizzare i progetti e perseguire gli obiettivi. Nelle Onlus, normalmente si organizzano eventi e co founding per reperire capitali tramite donazioni, ma per le organizzazioni sportive dilettantistiche bisogna seguire altre strade. Le associazioni sportive hanno come maggior flusso di entrata i contributi dei soci, questo significa dover invogliare il maggior numero di persone a iscriversi alla propria associazione piuttosto che ad un’altra. A tal fine bisogna effettuare delle strategie di marketing mirate e offrire dei servizi esclusivi  per sbaragliare la concorrenza. La creazione di eventi ad hoc è un ottimo metodo per farsi conoscere e attrarre nuovi soci contributori. Accanto a queste strategie ci deve essere una oculata gestione economica dell’associazione. Per venire incontro alla gestione di una no profit ci sono ora degli strumenti molto validi che permettono di controllare e gestire in tempo reale le finanze dell’associazione. Fra i prodotti più utili ci sono carte prepagate molto economiche che possono essere attribuite ai membri che si occupano della contabilità della no profit, queste carte permettono, tramite rendicontazione on line in tempo reale, di avere contezza dei flussi delle spese, avere i giustificativi catalogati e riuscire in tal modo ad apportare modifiche nella gestione delle risorse ove se ne ravvisi la necessità. Questo tipo di strumenti non solo semplifica l’attività di cassa evitando lungaggini relative ad anticipi e rimborsi, ma permette soprattutto di verificare quotidianamente cosa si spende, quanto si spende e perchè si spende. In un’associazione,dove ogni singolo euro fa la differenza questi prodotti possono contribuire a raggiungere gli obiettivi con maggiore efficienza.

News Reporter
Calabrese di nascita e milanese d'adozione, giornalista dal lontano 2001. Specializzato in ambito sportivo e appassionato del mondo dei videogiochi. Adora Kakà, innamorato da sempre di Van Basten, tanti anni divisi tra aule universitarie e campi di calcio l'hanno portato, alla fine, ad intraprendere il lavoro più bello del mondo. Quello del giornalista.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi