Hockey Milano Rossoblù, ufficiale: si riparte dalla Serie C. Ma i Milano Bears che fine hanno fatto?

Hockey Milano Rossoblù, dopo tante voci, finalmente l’ufficialità: si riparte dalla Serie C. Un duro colpo per chi ama e seguire l’hockey su ghiaccio meneghino da sempre, ma di fatto si era ormai capito. Il ricominciare dal basso è un atto dovuto soprattutto alla recente mala gestione societaria. La Alps Hockey League, oltretutto, con i suoi alti costi di gestione ha dato una netta accelerata alla fine di un sogno.

Hockey Milano Rossoblu, si ricomincia dal basso

L’annuncio l’ha dato la stessa società (foto Carola Semino) con un comunicato apparso sulla sua pagina Facebook: “Al termine di un profondo rinnovamento interno ed in considerazione di una programmazione a lungo termine che consenta di garantire la continuità sportiva in un percorso sostenibile a livello economico – si legge – per la stagione entrante il Milano prenderà parte al Campionato di serie C impiegando una formazione che sarà composta in parte da giovani provenienti dal settore giovanile ed in parte da alcuni veterani che hanno voluto mettersi a disposizione per accompagnare il Milano in questa fase di riorganizzazione”.

🔴COMUNICATO UFFICIALE🔵Al termine di un profondo rinnovamento interno ed in considerazione di una programmazione a…

Posted by Hockey Milano Rossoblu on Thursday, July 25, 2019

Si parte con coach Tomo Hoffner

L’area tecnica sarà affidata ad un coach d’esperienza come Tomo Hoffner che collaborerà a contatto col nuovo responsabile del settore giovanile, Luca DeZordo. Quest’ultimo sarà affiancato da Roman Simunek. A livello societario, come già annunciato, “saranno coinvolte figure di comprovata competenza e parte della storia recente dell’Hockey Milano”. Rumors di corridoio parlano di un ritorno di massa di esponenti del recente passato dell’Hockey Milano Rossoblù, con Fabio Cambiaghi su tutti. 

La sfida verso Milano-Cortina 2026

Che l’ufficialità dell’arrivo delle Olimpiadi invernali del 2016 abbia dato una decisa spinta a riguardo è palese. Un evento del genere potrebbe ridare lustro (e soldi) ad un movimento e una società attualmente in difficoltà. La stessa Hockey Milano Rossoblu, oltretutto, nei giorni scorsi aveva annunciato che “il progetto dovrà partire dal basso ma guarderà lontano con l’obiettivo minimo legato al 2026 e strutturarsi per garantire la continuità oltre quell’importante data per Milano”.

Un passato fatto di errori

La società, che ribadisce la volontà di “consolidare un progetto a lungo termine per garantire la continuità del Milano reperendo quanti più partner possibile”, ammette però anche i recenti errori. I cambi societari, i rapporti non idilliaci con il tifo organizzato e soprattutto questa fantomatica Milano Bears iscritta alla Alps League: “Non neghiamo certo che son stati commessi diversi errori nel recente passato sia a livello gestionale che nei rapporti col pubblico – si legge ancora nella nota ufficiale – e sappiamo che non sarà un percorso facile a tutti i livelli ma confidiamo nella Vostra passione e nell’aiuto di tutti per costruire insieme il futuro del Milano”.

Ma la Milano Bears?

Rimane da chiedersi che fine abbia fatto la Milano Bears. Colei che doveva essere il volto del Milano in Alps League, non viene proprio menzionata. A questo punto è facile dedurre che le due anime siano da ritenersi totalmente separate, con l’Hockey Milano Rossoblu che camminerà con le sue gambe. Di certo, però, c’è da domandarsi il perché di cotanto trambusto (questioni economiche e di debiti?). Intanto la società ha annunciato che tutte le gare della stagione saranno ad ingresso gratuito: sabato 7 settembre presentazione dello staff tecnico delle giovanili presso lo Stadio del ghiaccio con un evento aperto a tutti i tifosi alle ore 19.00; il martedì successivo supporter invitati al primo allenamento stagionale della prima squadra alle ore 19.30.

News Reporter
Calabrese di nascita e milanese d'adozione, giornalista dal lontano 2001. Specializzato in ambito sportivo e appassionato del mondo dei videogiochi. Adora Kakà, innamorato da sempre di Van Basten, tanti anni divisi tra aule universitarie e campi di calcio l'hanno portato, alla fine, ad intraprendere il lavoro più bello del mondo. Quello del giornalista.

1 thought on “Hockey Milano Rossoblù, ufficiale: si riparte dalla Serie C. Ma i Milano Bears che fine hanno fatto?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi