Hanno dovuto aspettare l’ultima gara della stagione al Monza Eni Circuit per conquistare il punto decisivo che ha permesso loro di guadagnarsi il titolo di campioni dell’International GT Open. Albert Costa e Giacomo Altoè con la Lamborghini Huracan GT3 Evo di Emil Frey Racing hanno ottenuto nel Tempio della Velocità il titolo piloti del campionato e assicurato alla loro scuderia la prima posizione nella classifica dei team. Il duo ha tuttavia atteso fino a domenica per festeggiare perché Costa-Altoè hanno concluso la prima gara di sabato al quarto posto, ad un solo punto dalla vittoria matematica. Emil Frey Racing ha invece potuto sciogliere già da ieri i dubbi sul titolo team, battendo gli avversari della Teo Martin Motorsport.

Dichiarazioni

Spiega un emozionato Altoè: «Anche l’anno scorso, nell’italiano, mi sono giocato il campionato a Monza. Per me è sempre stata una pista decisiva. Mi trovo bene nel Tempio della Velocità. Ringrazio tutto il team per aver fatto un grande lavoro che ci ha permesso di vincere nella mia gara di casa. Ho ritrovato qui tutti i miei amici e fan che, nell’unica tappa italiana del GT Open, mi hanno dato la carica per spingere di più».

Gara-1

Gara-1 dell’International GT Open ha dunque portato sul podio, nell’ordine, le Mercedes AMG di Miguel Ramos e Fabrizio Crestani (SPS Automotive Performance) e della coppia Loris Spinelli e Riccardo Agostini (Antonelli Motorsport). Al terzo posto, Oliver Wilkinson e Darren Turner di Optimum Motorsport con Aston Martin. In gara-2 hanno prevalso gli equipaggi Teo Martin Motorsport composti da Martin Kodric e Henrique Chaves e Fran Rueda e Andrés Saravia su McLaren 720s. Ultima sul podio, la coppia Norbert Siedler e Mikael Grenier con Lamborghini.

Trofeo Rookie

Il trofeo Rookie della Euroformula Open è stato assegnato a Liam Lawson del Team Motopark. Il pilota neozelandese, dopo una gara da dimenticare sabato, si è riscattato in gara-2 arrivando primo sotto la bandiera a scacchi. Il podio di gara-1 è invece stato dominato da piloti giapponesi: Marino Sato ha ribadito la sua supremazia da campione in carica, anticipando Teppei Natori e il compagno Yuki Tsunoda. Questi ultimi due piloti, dietro il vincitore Lawson, hanno invertito le posizioni di arrivo nella competizione di domenica. In gara-2 è stato protagonista di un pauroso ribaltamento, fortunatamente senza conseguenze, Jack Doohan, figlio del cinque volte campione del mondo di MotoGP.

News Reporter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi