La sfida tra l’imbattuto artista del knock out Maxim Prodan (17 vittorie, 14 prima del limite, e 1 pari) e il gallese Tony Dixon per il vacante titolo internazionale IBF dei pesi welter, il 25 ottobre all’Allianz Cloud di Milano, è molto attesa dal pubblico milanese. Professionista dal maggio 2015, il 26enne Maxim Prodan ha combattuto 15 volte al teatro Principe, 1 al Superstudio Più e 1 all’Allianz Cloud diventando un beniamino del pubblico. L’unica sua unica “trasferta” è stata a Cinisello Balsamo, alle porte di Milano. Ogni volta che sal sul ring, Prodan regala spettacolo e per questo i suoi tifosi accorrono in massa.

Chi è Tony Dixon

L’esperienza di Tony Dixon è equivalente a quella di Prodan: professionista dal dicembre 2012, il 27enne gallese ha sostenuto 14 incontri con un bilancio di 12 vittorie (3 prima del limite) e 2 sconfitte. Ha sempre combattuto in Gran Bretagna vincendo il titolo gallese dei pesi welter e superwelter. Ha perso una sola volta prima del limite: contro Paddy Gallagher per il titolo celtico dei pesi welter (ko tecnico al primo round). In definitiva, Maxim Prodan e Tony Dixon sono simili per età ed esperienza professionistica e sono entrambi affamati di vittorie. Maxim Prodan ha già vinto il titolo internazionale IBF dei pesi welter superando ai punti il belga Steve Jamoye lo scorso 8 marzo al Superstudio Più di Milano. Adesso rivuole la cintura. Per Tony Dixon vincerla sarebbe importantissimo per dimostrare il proprio valore al di fuori dei confini nazionali.

Dichiarazioni

“Non mi piace guardare i combattimenti dei pugili che devo affrontare. Per me tutti gli avversari sono uguali. Non ho problemi a combattere contro chiunque. Nonostante questo, so che Maxim è un osso duro. L’ho capito dal suo record: non si ottengono tante vittorie per ko casualmente. Quando ho saputo che avrei dovuto sfidare Maxim Prodan per il titolo internazionale IBF mi stavo preparando per combattere contro Farheem Khan sulle 10 riprese, il 15 settembre, a Swansea, in Galles. Ho vinto quel match ai punti. Invece di prendermi qualche settimana di riposo, sono tornato subito in palestra per preparare l’incontro del 25 ottobre con il mio coach Paul Paveltish. Da mesi non smetto di allenarmi e quindi sono pronto.”

News Reporter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi