Atletica Riccardi, morto Enrico Parodi

Dopo Nino Moleti un’altra storica colonna dell’Atletica Riccardi se n’è andata in questo 2019. Ci ha recentemente lasciato Enrico Parodi, figura dirigenziale imprescindibile per anni di Riccardi. Oltre ad aver rivestito per anni il ruolo di direttore tecnico Parodi è stato braccio destro di Renato Tammaro e vicepresidente fino al 2012.

Chi era Enrico Parodi

Enrico agli albori era stato anche atleta. Nato a Genova nel 1928, arrivò a Milano nel febbraio 1944, nel biennio più drammatico del Novecento in Italia. Avrebbe conosciuto l’atletica cinque anni dopo, nel 1949, al Giuriati. Vinse un titolo studentesco sui 110 metri ostacoli. In Riccardi trovò ad allenarlo una leggenda come Gianni Caldana. “Era un tipo singolare – avrebbe poi raccontato a Paolo Brera parlando di “John” -. Riusciva ad avere una fiducia totale da parte dei suoi atleti. Si imponeva, pretendeva e poi otteneva, ovviamente dagli atleti, che gli erano grati».

Velocista in pista

In pista Parodi fu soprattutto un velocista. Arrivato a un personale di 11”2 sui 100, fu anche compagno di quartetto di un giovane Sergio D’Asnasch nelle 4×100 ai Campionati Italiani di III Serie (allora non c’erano categorie per fasce d’età, ma suddivisioni in base ai risultati: davvero altri tempi). Passò dall’altra parte della barricata nel 1954 divenendo dirigente in tempo per gustarsi lo storico titolo tricolore Assoluto vinto proprio dalla staffetta veloce all’Arena di Milano nel 1955. Parodi fu anche vicepresidente del Comitato Regionale FIDAL Lombardia dal 1967 al 1972. Per il volume che nel 1996 celebrò i 50 anni della Riccardi Parodi, di professione venditore (di prodotti chimici materia plastiche, di paste alimentari, infine di libri), raccontò però che la sua più grande soddisfazione come dirigente fu «il doppio successo ai Campionati Italiani Allievi di staffette a Formia, nella 4×100 e nella 3×1000». Protagonista del trionfo della staffetta veloce fu peraltro anche Mario Grassi, che ha fornito le immagini a corredo di quest’articolo.

Il ricordo dell’Atletica Riccardi

Dotato di uno spiccato humour e dell’innata capacità di smitizzare e di non prendersi sul serio, Enrico Parodi ha lasciato alla Riccardi un’impronta forte e importante. «Come dirigente è stato un grande, il mio maestro assieme a Renato Tammaro”. E’ il ricordo del presidente Sergio Tammaro.

News Reporter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi