Volley4all con Clevenot e Weber

Solidarietà e generosità sono due termini che si legano indissolubilmente con lo sport. Ancor più quando certe iniziative riescono a regalare dei sorrisi a dei bambini. È quanto avvenuto lo scorso 26 dicembre all’Allianz Cloud in occasione del match tra Allianz Powervolley Milano e Monza con il progetto volley4all ideato e promosso dalla società meneghina e dalla Fondazione Allianz UMANA MENTE. Ha promosso la raccolta giochi in favore del Centro Benedetta d’Intino.

Il progetto Volley4all

Nella mattinata odierna gli atleti Trevor Clevenot e Linus Weber, accompagnati da Martina Di Tomaso, responsabile eventi del club, Paolo Tardio, responsabile della comunicazione di Allianz Powervolley, e Nicola Corti, segretario della Fondazione Allianz UMANA MENTE, hanno consegnato i doni raccolti al Centro. Una giornata di incontro e di festa per i bambini che hanno accolto con entusiasmo ed aperto con grande emozione i pacchi regalo (giochi di società, peluches, puzzle, costruzioni, colori, libri e tanti altri giochi) devoluti dalla grande generosità del pubblico dell’Allianz Cloud.

Il Centro Benedetta d’Intino

Il Centro Benedetta d’Intino, sostenuto dalla Fondazione Allianz UMANA MENTE, nasce nel 1992 per volontà delle famiglie Mondadori, D’Intino e Formenton, in ricordo della piccola Benedetta scomparsa a soli quindici mesi e lavora per aiutare i bambini con disagi psicologici e gravi disabilità comunicative attraverso il lavoro della psicoterapia e della Comunicazione Aumentativa Alternativa (CAA). «Siamo grati del vostro supporto, perché avete regalato un momento di gioia a questi bambini con la vostra generosità». E’ il pensiero della dottoressa Aurelia Rivarola, Presidente del Centro. «Siamo noi a dire grazie a voi – ha commentato Paolo Tardio per Powervolley Milano –. Ci avete dato la possibilità di poter dare seguito, con i fatti, alle parole. Veramente oggi sport e solidarietà si incontrano in un gesto tanto semplice quanto gioioso».

La curva

Non è mancato il supporto della Curva Biancorossa Milano. Il tifo organizzato milanese, rappresentato da Paolo Ferlino, ha infatti omaggiato non solo della sciarpa ufficiale il Centro. Ha anche consegnato ulteriori regali che sono stati acquistati attraverso una raccolta fondi promossa in curva nelle gare precedenti a quella del 26 dicembre. Ulteriore dimostrazione di come lo sport, ed in particolare la pallavolo, non conosca barriere di nessun tipo. E’ invece un prezioso veicolo per promuovere una cultura inclusiva nella vita di ogni giorno. La giornata si è chiusa con la visita del Centro e la consegna a Clevenot, Weber e al referente della Curva Biancorossa Milano di una maglia del centro “Non parlo ma comunico”.

News Reporter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi