Lucio Fusaro e la Powervolley Milano: il sorriso, sotto quei bianchi baffi…
Ti piace questo articolo? Condividilo!

Il sorriso è il solito, sotto quei bianchi baffi che raccontano come il suo amore per la pallavolo sia iniziato molto tempo fa. Lucio Fusaro ha fatto dell’Allianz Powervolley Milano un esempio da seguire. Una formazione capace di costruirsi e fortificarsi attorno alle emergenze, di trovare in coach Roberto Piazza un combattente e di poter fare, ora, la voce grossa. Perché, come dice lo stesso Fusaro, “non siamo più degli outsider, ma stiamo costruendo giorno dopo giorno”.

Powervolley Milano, gioiello di rara bellezza

Ed è indiscutibile come il percorso della Powervolley, finora, sia stato più che eccelso. Due punti persi a Padova, che gridano ancora vendetta perché con quelli la formazione meneghina sarebbe terza in classifica in solitaria. Poi sconfitte contro Civitanova, Trento e Modena. Per il resto, solo successi. Tutti convincenti: “Siamo molto contenti dei risultati ed anche impressionati – prosegue il presidente Fusaro –. Vedremo cosa riusciremo a fare fino alla fine della stagione. Lo scorso anno abbiamo fatto bene, quest’anno stiamo facendo meglio. Grazie ai giocatori e all’allenatore che vanno in campo e fanno la differenza”.

La passione di Lucio Fusaro

Alla base di tutto, però, c’è la passione di Lucio Fusaro. Un uomo che vive di pallavolo, annusa la pallavolo. Che anche lui ha dovuto costruire un progetto per nulla semplice, dall’addio di Giani ai no di molte società quando i meneghini cercavano un nuovo centrale per ottemperare agli infortuni di Matteo Piano e Aimone Alletti. Ma il suo sorriso è sempre stato lì, sotto i bianchi baffi, pieno di fiducia. E l’ultimo periodo ha portato il presidente a sfoggiarlo di fronte a telecamere e giornalisti: “Veniamo da una settimana importante – analizza – prima la vittoria contro Civitanova, poi il successo contro Ravenna. Ma soprattutto in pochi giorni abbiamo due sfide importanti contro Trento e Perugia. Giovedì per noi è determinante: è uno spareggio diretto ed avremo la possibilità di giocarci il pass per le Final Four di Coppa Italia”. Le sensazioni? “Straordinarie”.  Peccato per l’Allianz Cloud, che si sta lentamente innamorando di questa squadra: “Siamo qui solo dallo scorso ottobre – conclude Lucio Fusaro –. Siamo immersi dalle tante attività che una città ha come Milano, ma il volley c’è. E la città si sta avvicinando: mi auguro che riusciremo a riempire tutto l’Allianz Cloud. Il nostro obiettivo è far appassionare tutta la gente e poter ricambiare questo affetto”.

Il lato sociale e la Coppa Italia

Senza dimenticare il connubio con il progetto volley4all insieme alla Fondazione Allianz UMANA MENTE, per continuare a promuovere attraverso la pallavolo il senso profondo di ogni sport. Qui infatti sul campo dell’Allianz Cloud abbiamo visto esibizioni di sitting volley, wheelchair dance, powerchair hockey. Ma tutte le attenzioni sono ora concentrate sul primo, grande, appuntamento stagionale che mette in palio l’accesso alla Final Four della Coppa Italia che si giocherà a Bologna il 22-23 febbraio. Giovedì, infatti, all’Allianz Cloud arriva Trento per il quarto di finale in gara secca.

News Reporter
Calabrese di nascita e milanese d'adozione, giornalista dal lontano 2001. Specializzato in ambito sportivo e appassionato del mondo dei videogiochi. Adora Kakà, innamorato da sempre di Van Basten, tanti anni divisi tra aule universitarie e campi di calcio l'hanno portato, alla fine, ad intraprendere il lavoro più bello del mondo. Quello del giornalista.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi