Nessuno ferma il Milano Quanta: sbancato anche Torino
Ti piace questo articolo? Condividilo!

Il MIlano Quanta ha vinto 6-2 sul campo del Real Torino nel match valido per la nona giornata della Serie A 2020 di hockey inline. Con questo successo la formazione di coach Luca Rigoni prosegue la sua marcia inarrestabile e senza soste nel campionato italiano. Nove gare disputate, nove vittorie. E pensare che Torino si presentava da terza forza del campionato.

Milano Quanta, rullo compressore 

È servita una prova attenta e incisiva per avere la meglio sulla formazione piemontese. Certo il risultato finale non lascia dubbi sul divario in campo, ma al di là di quanto portato a casa il messaggio è che il girone d’andata si chiude con il MIlano Quanta al comando della classifica a punteggio pieno. Privi di Mai e Ronco, i rossoblu hanno potuto contare sull’inserimento in attacco di Caletti e sull’ottima prestazione tra i pali di Pignatti (nella foto di Vanessa Zenobini): “Abbiamo due portieri di grande livello – sottolinea coach RigoniRiccardo ha dimostrato che su di lui possiamo fare affidamento. Sono davvero soddisfatto della mia squadra, che ha affrontato una sfida insidiosa con spirito di sacrificio e molta pazienza, commettendo pochissimi errori. Ho massimo rispetto per come sta giocando quest’anno il Real Torino: questi sono tre punti pesanti, anche tenuto conto delle difficoltà legate ad una pista quasi impraticabile”. 

La cronaca del match 

Passato in vantaggio con Lettera in power play, il Quanta ha poi chiuso sul 2-0 il primo tempo grazie ad una combinazione Caletti – Belcastro. Nel secondo tempo, i gol di Caletti e Banchero hanno tenuto a bada la parziale reazione dei piemontesi (a segno Castagneri e Perazzelli). Sul 4-2 è arrivato il colpo del ko a firma Ferrari. Banchero ha poi arrotondato lo score nel finale. Sabato prossimo il Milano sarà impegnato in trasferta a Piacenza.

News Reporter
Calabrese di nascita e milanese d'adozione, giornalista dal lontano 2001. Specializzato in ambito sportivo e appassionato del mondo dei videogiochi. Adora Kakà, innamorato da sempre di Van Basten, tanti anni divisi tra aule universitarie e campi di calcio l'hanno portato, alla fine, ad intraprendere il lavoro più bello del mondo. Quello del giornalista.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi