Milano Quanta, il vivaio cresce
Ti piace questo articolo? Condividilo!

Il lavoro paga. A volte non subito, ma certamente a medio-lungo termine. L’hockey non sfugge alla regola, a tutti i livelli, in special modo nel settore giovanile. Bambini da ‘svezzare’ con i primi approcci sui pattini, ragazzi da sviluppare nella tecnica, nella tattica e nella preparazione atletica: ci vogliono anni, ci vuole impegno, ci vuole soprattutto una società organizzata, che decida di investire tempo, uomini e una parte del proprio budget nel vivaio. Lo sanno bene in casa Milano Quanta.

Le parole di Riki Tessari

“E noi da questo punto di vista – spiega il Direttore Tecnico del Milano Quanta Riki Tessari – quest’anno abbiamo voluto cambiare marcia. Grazie al programma stilato e condotto da Mattia Mai, nostro responsabile del settore giovanile, e con il lavoro sul campo di coach Juraj Franko, stiamo riscontrando i primi miglioramenti a tutti i livelli”.

Milano Quanta, i numeri

“I numeri nelle varie categorie che copriamo (avviamento, under 12, under 14, under 16, ndr) sono in crescita sia in termini di praticanti che di risultati. Tutto ciò non sarebbe possibile senza il fondamentale coinvolgimento delle famiglie dei ragazzi, genitori che svolgono a titolo volontario attività chiave dell’organizzazione come dirigenti accompagnatori, cronometristi, addetti agli arbitri e ovviamente tifosi. I loro sacrifici meritano di essere ripagati con un’offerta agonistica di alto livello”.

Serie A

“Chi gioca da noi ha la grande fortuna di poter toccare con mano la massima espressione dell’hockey inline italiano. I più piccoli sognano ad occhi aperti quando vedono i vari Ferrari, Banchero e Mai in pista. I più grandi sanno che le porte della prima squadra non sono chiuse: alcuni di loro hanno già giocato e segnato tra i big”.

Obiettivi

“Nel giro di due/tre anni, inserire stabilmente in prima squadra almeno tre elementi usciti dalla cantera. E in massimo cinque/sei anni disputare la categoria Elite con prospettive di alta classifica”

Modelli da seguire

“Cito volentieri i Ghosts Padova come paradigma di come si debba lavorare con impegno e continuità a livello giovanile. Di esempi virtuosi ce ne sono, lavoriamo quotidianamente per diventare presto anche noi un punto di riferimento. A tal proposito, colgo l’occasione per ricordare le prove gratuite che offriamo ogni sabato mattina (ore 9, ndr) per bambini a partire dai 4 anni intenzionati ad avvicinarsi all’hockey. Pensiamo a tutto noi, attrezzatura compresa”.

News Reporter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi