Teamservicecar, sfida impari

Davide contro Golia, una sfida impari tra i campioni di Portogallo il giovane Monza. Letta in chiave tecnico tattica la sfida del PalaRovagnati appare già segnata. Ma lo sport insegna che non sempre vince il più forte, ma colui che riesce meglio ad interpretare le situazioni, sfruttando al massimo le proprie capacità. Nel caso del Teamservicecar non è necessario sognare, me è fatto obbligo di scendere in pista con il massimo dell’orgoglio, perché le sfide come questa le vorrebbero giocare tutti. Ma è un lusso concesso a pochi.

Il punto

Se analizziamo il momento delle squadre non resta spazio per la fantasia. Tra campionato e coppa Porto è reduce da 7 risultati positivi consecutivi e viaggia alla media di 6 reti a partita. Il Monza non vince da inizio gennaio e ha appena battuto il record di sconfitte consecutive, raggiungendo a Breganze quota 5 ko filati.

Le parole di Martinez

Eppure Martinez non ne fa un dramma. “Veniamo da 5 sconfitte e ne siamo consapevoli. Vero, abbiamo giocato bene, riceviamo anche complimenti, ma non facciamo punti. Però non dobbiamo farne un dramma, sappiamo che il campionato è difficile e il gap dai playoff è facilmente colmabile. Certo, ora non abbiamo alternative, dobbiamo correggere ogni errore che commettiamo e paghiamo sempre caro”.

Teamservicecar Monza-Porto

Con un momento simile, come si può affrontare il Porto? Colamaria afferma che sono sfide che tutti vorrebbero giocare “Sono partite che incidono tanto in termini sia di motivazione, che per il morale della squadra. Per questo dovremo fare una bella partita, e sistemare il lato psicologico in vista delle prossime 5 partite determinanti. Per farlo però vorrei fare un appello ai Bagaj e a tutta la gente di Monza e Biassono: venite al palazzetto, perché faremo di tutto per farvi divertire. E sarà una grande serata di hockey, non ho dubbi ” Sarà anche l”occasione per vendicare quel brutto ko rimediato all’andata “La sconfitta del Dragao mise fine al bel periodo in cui battemmo anche il Viareggio. L’assurdo è che probabilmente di testa non ci siamo ancora ripresi da quella partita e da quella successiva con il Forte. Ma stiamo lavorando, non abbiamo altre soluzioni: sappiamo che sarà difficilissimo fare punti, ma riuscire in un buon risultato sarebbe fondamentale per la nostra testa, per affrontare la parte decisiva della stagione”.

News Reporter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi