Milan-Genoa statistiche: Ibra e Rebic mai sconfitti dal Grifone
Ti piace questo articolo? Condividilo!

Scelte obbligate (o quasi) ma di sicuro vincenti. Domenica a San Siro (ore 12.30) il match Milan-Genoa, valido per la 26esima giornata di Serie A, vedrà ancora una volta Zlatan Ibrahimovic perno centrale dell’attacco dei rossoneri, con Ante Rebic spostato sul fronte mancino dell’attacco. La coppia, finora, ha funzionato a meraviglia, vista la rinascita del croato e la sempre perenne insidia che lo svedese incute nelle difese avversarie.

Milan, recuperare Rafael Leao

Certo, in panchina ci sarebbe anche Rafael Leao, giovane 21enne portoghese pagato qualcosa come 30 milioni di euro l’estate scorsa, ma ad oggi appare difficile poter immaginare un Pioli che si privi della premiata coppia Ibra – Rebic. Se guardiamo il passato dei due attaccanti, la scelta dell’ex tecnico di Fiorentina e Inter tra le altre non può che rivelarsi, a priori, vincente. Perché quando Ibrahimovic e Rebic hanno affrontato il Genoa, non hanno mai perso.

Milan-Genoa, Ibrahimovic sicuro protagonista

Di certo il curriculum di Ibra contro il Grifone è molto più corposo rispetto a quello del collega croato, non fosse altro per la grande differenza d’età tra i due (Ibrahimovic ha quasi 39 anni, Rebic appena 26) e per il lungo trascorso dello vede in Serie A. Ma, a conti fatti, ad unirli c’è l’impressionante zero alla voce sconfitte contro i rossoblu liguri. Per Ibrahimovic quella di domenica sarà la sfida numero nove contro il Genoa: nei precedenti, cinque vittorie e tre pareggi. Quattro successi sono arrivati in Serie A, uno nell’unico precedente in Coppa Italia: erano gli ottavi di finale dell’edizione 2008/2009 e Ibra, allora tra le fila dell’Inter, guidò i nerazzurri al successo per 3-1 dopo i supplementari con un gol e un assist, subentrando ad Adriano al 76’. In totale per lui, contro il Genoa, quattro reti e cinque assist nei suddetti otto precedenti, anche se il gol al Grifone manca dal 25 aprile 2012 (Milan-Genoa 1-0).

Rebic, un altro gol per abbattere il muro del Genoa

Percorso diverso, invece, per Ante Rebic. Per il croato finora sono quattro le gare contro il Genoa, con due vittorie e due pareggi. Ce ne sarebbe una quinta (Genoa-Fiorentina 2-5 dell’1 settembre 2013) ma in quell’occasione non venne convocato dal tecnico della viola, Vincenzo Montella. Nelle altre tre sfide, invece, ne ha giocata una sola e per appena 45’: era il 24 gennaio 2016, Hellas Verona-Genoa finì 1-1. Fu una gara incolore per il croato, che venne sostituto alla fine del primo tempo da Luigi Delneri, tecnico degli scaligeri, con Juanito Gomez. Domenica avrà modo di rifarsi.

News Reporter
Calabrese di nascita e milanese d'adozione, giornalista dal lontano 2001. Specializzato in ambito sportivo e appassionato del mondo dei videogiochi. Adora Kakà, innamorato da sempre di Van Basten, tanti anni divisi tra aule universitarie e campi di calcio l'hanno portato, alla fine, ad intraprendere il lavoro più bello del mondo. Quello del giornalista.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi