Powervolley Milano: l’Estonia per il sogno europeo e la rinascita italiana

Tutto pronto per la doppia sfida tra Allianz Powervolley Milano e Saaremaa VC, formazione estone. In ballo la semifinale della Challenge Cup, la terza coppa continentale. Il mondo del volley, come molti altri, ha dovuto stravolgere il proprio calendario per prevenire il diffondersi del coronavirus. E le due sfide si giocheranno domani (inizio ore 18) e dopodomani (ore 17) in Estonia. Il match d’andata era in precedenza programmato per lo scorso 26 febbraio al Centro Pavesi di via De Lemene a Milano.

Powervolley Milano, voglia di sport 

C’è voglia di sport un po’ da parte di tutti. Degli atleti e dei tecnici, certamente, ma anche dei media e dei tifosi. E giocarsi subito qualcosa di importante come le semifinali di Challenge Cup non può che essere un bene per l’Allianz Powervolley Milano di coach Roberto Piazza, che avrà subito modo di poter vedere quanto abbia inciso questa lunga pausa. Perché i meneghini, è bene ricordarlo, non giocano un match ufficiale dal 16 febbraio scorso (3-0 interno a Sora).

Nimir Abdel-Aziz

Pile ricaricate, ora lo sprint finale 

Una lunga pausa di 17 giorni utile per Nimir e compagni per ricaricare pienamente le energie in vista dello sprint finale della stagione. Si aprirà tutto con la sfida di domani in Estonia per giocarsi poi non solo le proprie chance nella competizione europea, ma anche le proprie possibilità per il miglior piazzamento in campionato (ora in quinta posizione) in vista dei playoff scudetto. Sarà necessario, tuttavia, effettuare un passo per volta in un mese come quello di marzo che si preannuncia di fuoco con addirittura nove gare compresse in 26 giorni qualora l’Allianz Powervolley Milano approdi in semifinale di Challenge Cup. Il prossimo step sarà appunto, nella Sporthall di Kuressaare, la formazione del Saaremaa VC, team da non sottovalutare come dichiarato dallo stesso coach Piazza. «È una squadra che sfrutterà il fattore del campo casalingo. Hanno stranieri importanti: un cubano, un brasiliano, uno svizzero, giocatori che sanno giocare bene a pallavolo. Dovremo approcciare al meglio con la testa queste due sfide».

News Reporter
Calabrese di nascita e milanese d'adozione, giornalista dal lontano 2001. Specializzato in ambito sportivo e appassionato del mondo dei videogiochi. Adora Kakà, innamorato da sempre di Van Basten, tanti anni divisi tra aule universitarie e campi di calcio l'hanno portato, alla fine, ad intraprendere il lavoro più bello del mondo. Quello del giornalista.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi