Calciomercato Milan: il lento addio di Paolo Maldini

L’addio di Boban ha lasciato il segno, come normale che fosse. Soprattutto ora che nel limbo dell’incertezza ci sono finiti gli altri due collaboratori dell’area tecnica, Paolo Maldini e Ricky Massara. Che, come normale che sia, dovranno capire quale sarà l’evoluzione del loro ruolo ora che Gazidis ha preso in mano in modo ancora più deciso il club. Al momento non ci sono sostanziali movimenti: Gazidis e Maldini sono in costante contatto quotidiano e la posizione dell’ex numero tre rossonero, come quella di Massara, non appare all’ordine del giorno.

Maldini e il Milan, amore al capolinea

Questo, di certo, non esclude che nei prossimi mesi vengano fatti nuovi ragionamenti sul futuro dei due dirigenti. La proprietà, però, non vorrebbe perdere Maldini, considerato un vero e proprio punto di riferimento per tutti, tifosi e società. Ma si rimetterà alle decisioni che l’ex capitano vorrà prendere, siano queste di continuità del progetto o meno. È chiaro, però, che l’ex numero tre del Diavolo una sua idea sul da farsi l’abbia già imbastita. Con Casa Milan in questi giorni chiusa per l’emergenza coronavirus, l’incontro con Gazidis non avverrà nel breve periodo. Ma questo poco importa, perché il capo del settore sportivo del Milan (a tutti gli effetti è ancora il direttore tecnico) non ha digerito il fatto che Gazidis abbia avvicinato Ralf Rangnick per chiedergli la disponibilità a guidare il Milan l’anno prossimo. Quel Rangnick definito un profilo non da Milan proprio da Maldini.

Calciomercato Milan, due mesi di passione

Sul tedesco piovono smentite o non conferme da ogni parte ma, in questo momento, poco importa. Tutto porta a pensare che Maldini, che si sente defraudato al momento, lascerà il Milan. A meno di clamorosi ribaltoni: per l’ex capitano si prevedono due mesi di Passione. Prima della resa dei conti finale.

News Reporter
Calabrese di nascita e milanese d'adozione, giornalista dal lontano 2001. Specializzato in ambito sportivo e appassionato del mondo dei videogiochi. Adora Kakà, innamorato da sempre di Van Basten, tanti anni divisi tra aule universitarie e campi di calcio l'hanno portato, alla fine, ad intraprendere il lavoro più bello del mondo. Quello del giornalista.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi